Motomondiale 2008: in arrivo la monogomma?

proposta di utilizzo della monogomma per il campionato Motogp 2008

da , il

    ezpeleta monogomma

    Ap/LaPresse

    Se ne parlava da tempo (e ne abbiam parlato anche noi di Derapate) ma sinceramente in pochi nell’ambiente delle corse credevano possibile una svolta per quanto riguarda l’utilizzo della monogomma per il mondiale del 2008. Carmelo Ezpeleta a margine del gp del Giappone ha detto di aver proosto alla Gran Prix Commission di utilizzare un solo fornitore di pneumatici per la prossima stagione.

    Lo spagnolo Deux ex machina del circus probabilmente ha paura di rovinare tutto quello che ha faticosamente costruito in questi anni: gare noiose fanno perdere spettatori e quindi ben venga la possibilità di diminuire l’influenza delle parti meccaniche rispetto alla guida del pilota.

    Sembrerebbe che Ezpeleta abbia subito pressioni niente meno che da Yamaha e Honda ovvero i veri padroni del circus. Questa scelta appare quindi più un limitare lo strapotere dell’accoppiata Ducati-Bridgestone più che per interesse ad una maggiore qualità delle gare. Cambiare i regolamenti è molto più facile che studiare migliorie al motore o al telaio della moto. Anche se il presidente della Dorna ci tiene a precisare: “Mi interessa offrire un alto livello di competitività e mettere tutti i piloti sullo stesso piano. Se poi le moto non limeranno un secondo al giro ogni anno mi andrà bene lo stesso”.

    Ezpeleta propone inoltre di eliminare le gomme da qualifica: “Ci guadagnerà la sicurezza. Sono un rischio in più per i piloti che scendono in pista senza sapere come risponderà la gomma da qualifica”. Ma c’è già chi vede dietro alle dichiarazioni del presidente non un interesse verso la sicurezza dei piloti, ma probabilmente verso la sicurezza di introiti sempre maggiori per il campionato mondiale. Meno “bagarre” in pista vuol dire meno spettatori, meno sponsor, meno soldi. Sono solo chiacchiere da bar?