Motomondiale: Marquez e Vinales saranno i futuri Pedrosa e Lorenzo?

I vincitori delle gare di Le Mans di 125cc e Moto2, gli spagnoli Maverick Vinales e Marc Marquez, hanno trionfato per la prima volta nelle rispettive categorie ed in futuro potrebbero essere grandi protagonisti della MotoGP raccogliendo il testimone da Jorge Lorenzo e Dani Pedrosa

da , il

    Lo scontro tra Dani Pedrosa e Marco Simoncelli nella gara di MotoGP dello scorso week-end a Le Mans ha fatto passare in secondo piano le imprese di due giovani piloti spagnoli che nelle classi minori hanno prevalso sulla concorrenza malgrado la loro poca esperienza nelle rispettive categorie: stiamo parlando di Marc Marquez e Maverick Vinales, entrambi al loro primo successo (per il 16enne della ottavo di litro è la prima affermazione in carriera dopo appena 4 gare).

    MARC MARQUEZ Partiamo dal più “esperto”: ormai lo conosciamo bene. Campione in carica della 125cc, il 18enne è riuscito ad aggiudicarsi la gara francese dopo essere partito dal settimo posto in griglia avendo la meglio sui suoi colleghi con una stagione di esperienza in più come Yuki Takahashi, il leader del Mondiale Stefan Bradl, Julian Simon e Thomas Luthi.

    L’inizio del campionato è stato tutt’altro che semplice, con tre zeri nelle prime tre gare. Tuttavia nella pista transalpina ha smentito chi non credeva in lui vincendo, tra l’altro, nella sua maniera preferita: studiare gli avversari per tutta la gara salvo poi sorpassarli e prendere margine, in modo da arrivare al traguardo in solitaria. Dato che è solo alla sua prima stagione in Moto 2 difficilmente riuscirà ad aggiudicarsi il titolo, ma ci sono tutte le premesse perchè ci riesca nelle successive e sia pronto, quindi, a compiere il grande salto che lo porterebbe definitivamente tra i migliori.

    MAVERICK VINALES Eccoci al più giovane. Il pilota del neonato team di Paris Hilton è riuscito a vincere la sua prima gara dopo appena 4 GP disputati. Una vera impresa, se si considera che molti degli attuali protagonisti della MotoGP erano rimasti a secco di successi alla loro prima stagione. E non è finita qui: il 16enne è riuscito ad avere la meglio, con un sorpasso da antologia all’ultima curva, sul dominatore assoluto della categoria nonchè probabile campione del Mondo di questa annata: il suo connazionale Nicolas Terol.

    Se il buongiorno si vede dal mattino Vinales è destinato a fare molta strada nel Motomondiale, a differenza dei nostri Alessandro Tonucci e Luigi Morciano che nel 2010 gareggiavano, in pratica, nella stessa sua categoria (CEV in Spagna, CIV in Italia) e non riescono ad esprimersi a causa dei loro mezzi poco competitivi, in una 125 anche quest’anno povera di piloti italiani.

    Detto delle imprese di Marc e Maverick, a questo punto è auspicabile che nelle prossime stagioni li troveremo entrambi a lottare magari per il titolo in MotoGP difendendo egregiamente i colori della bandiera spagnola e raccogliendo il testimone dagli attuali protagonisti (nonchè ex iridati delle classi minori) Jorge Lorenzo e Dani Pedrosa.