Nelson Piquet Jr, in Germania il primo podio

nelson piquet sale per la prima volta sul podio e porta la renault al secondo posto per la prima volta in questa stagione

da , il

    Nelson Piquet Jr. bravo o fortunato? In un GP di Germania scosso da un solo marginale colpo di scena lui riesce a ribalatre completamente la propria situazione, trovandosi addirittura leader della corsa e finendo superato solo dall’incontenibile Lewis Hamilton.

    BRAVA FORTUNA. Se Glock non si fosse frantumato sul muretto dei box per Nelsinho questa sarebbe stata l’ennesima gara da dimenticare. La sua vera fortuna è che l’evento sia capitato immediatamente dopo il suo rifornimento. Il merito, invece, sta tutto nell’aver tenuto i nervi saldi ed aver condotto la sua vettura al meglio fino alla bandiera a scacchi.

    OVVIAMENTE FELICE. A fine gara il brasiliano ha salutato lo storico risultato come una liberazione:“Fino a questa mattina pensavo che il mio weekend fosse già finito poi la safety car ha cambiato le cose e assieme al team siamo stati bravi a gestire la vettura fino alla fine. Non ho lottato molto con Hamilton perché sapevo quanto fosse più veloce di me e non volevo correre rischi inutili” ha concluso Piquet.

    CORSA INCREDIBILE. Anche Briatore è estremamente soddisfatto. Per almeno due buoni motivi. Primo:è stato lui a volere Piquet in squadra e le sue deludenti prestazioni gli hanno causato più di un imbarazzo:“Nelson ha fatto una corsa incredibile perché ha mostrato nel finale di essere veloce e di saper tenere bene la pressione”. Secondo: aver raggiunto il secondo posto con il secondo pilota, dà i meriti tutti alla squadre che può prendere questo risultato come importante iniezione di fiducia:“Ci davano già per morti ma abbiamo dimostrato di poter fare dei progressi. Questo podio ci ripaga di molti sacrifici e ci fa andare avanti con più serenità” ha commentato il manager piemontese.

    ALONSO DESAPARECIDO. Chi manca all’appello della festa Renault è Fernando Alonso che butta via un’ennesima buona occasione e sembra sempre più in difficoltà nel gestire la sua vettura durante la gara. Come ogni campione, però, lo spagnolo non fa drammi e guarda avanti:“E’ stata una gara difficile per me sin dalla partenza dove ho perso posizioni. Da lì non è stato facile recuperare ma devo dire che oggi sono stato anche un po’ sfortunato. Il risultato di Nelson arriva per una serie di circostanze favorevoli ma devo ammettere che siamo ancora da 7-8° posto e l’unica possibilità di crescere, a questo punto, è sperare nella macchina del prossimo anno”. Se lo spagnolo pensa già al 2009 vuol dire che ha deciso di restare ancora alla Renault. E questa è una notizia.