News MotoGP. Silenzio, parla Doohan

Mike Doohan commenta i principali piloti della MotoGP attuale e dice le sue impressioni sui campioni come Valentino ROssi, daniel pedrosa e casey stoner che stanno dominando la stagione 2007

da , il

    mick doohan valentino stoner

    Mondiale 2007: se ne sono sentite tante, e discordanti.

    Pareri scombussolati, frutto di passioni e di pregiudizi forse, talvolta dettati dal cuore, altre da uno spirito ipercritico che fa bene solo alle casse dei giornali sportivi, molto meno allo sport.

    In questo campionato dominato da una Ducati (non) senza precedenti e da troppe parole sprecate su uno e sull’altro pilota, arrivano le parole di uno che di motociclismo se ne intende, il pluri-iridato pilota australiano Mick Doohan.

    Su PEDROSA: “La Honda…mah. La moto non sembra adattarsi nè a Pedrosa nè ad Hayden. Adesso gli ingegneri stanno ascoltando il parere dei piloti e speriamo che la prossima stagione sia migliore di quella in corso. Quest’anno c’è stato un problema, gli ingeneri non sono riusciti a recepire bene le informazioni e la moto non è nata bene a subito.

    Su STONER: “Casey Stoner – ha detto il glorioso centauro australiano ormai braccio destro della Honda e tifoso di Valentino da tempo immemore – ha iniziato molto forte la stagione ed è cresciuto sempre di più. Sta facendo un lavoro incredibile e nonostante manchino 6 Gp alla fine dovrebbe farcela. Ho sempre pensato che fosse un pilota di talento ed ora lo sta dimostrando.

    Su VALENTINO: “ Le beghe con il fisco? Non mi interessano. Io guardo solo le moto. Immagino che la situazione odierna di Rossi sia un grande mix di situazioni, una sorta di puzzle. La moto è la stessa per tutto l’anno, ma sono convinto che la Yamaha non sia poi così male; c’è però una verità inconfutabile:in questo momento Ducati e Bridgestone sono migliori. La Michelin è una buona azienda ma quest’anno le Bridgestone sono migliori. Sono convinto che se la Yamaha avesse le Bridgestone assisteremmo a dei grandi duelli tra Rossi e Stoner.

    Vero.

    L’avevamo immaginato anche noi!