Nick Heidfeld punta al titolo per il 2009

Nick Heidfeld crede nelle capacità della sua BMW Sauber e dichiara di puntare al titolo mondiale per la stagione 2009

da , il

    Nick Heidfeld si dice molto fiducioso per il 2009 e dichiara senza mezzi termini di puntare al titolo mondiale. La BMW Sauber, infatti, mette da parte ogni precauzione e si candida a protagonista assoluta della nuova stagione.

    HEIDFELD. Per lui, capace di detenere il record di pilota con il maggior numero di secondi posti in carriera senza mai una vittoria, è difficile issarsi a protagonista. Stavolta Nick Heidfeld ci prova. Conscio di avere molti estimatori, il 31enne tedesco spara:“Non penso costantemente a quando otterrò la mia prima vittoria. Dopo tutto, il mio obiettivo e’ vincere il titolo, non solo una gara. E posso riuscirci”.

    KUBICA. Ancor prima di Hamilton, Massa, Alonso o Raikkonen, il vero avversario di Nick the Quick sarà il compagno Robert Kubica. Grazie ad una stagione strepitosa, il polacco ha ridimensionato il compagno di squadra e si è imposto come leader della squadra. Per Heidfeld, che fa della concretezza e della costanza l’arma migliore, quindi, la prerogativa d’obbligo è quella di limitare il più possibile lo straripante Kubica. A suo vantaggio ci sarà il KERS che, dando maggior peso alla vettura, finisce con il penalizzare i piloti di maggiore stazza come il polacco il quale, pur dimagrendo con tanto impegno, non sarà mai un peso piuma come il tedeschino.

    BMW. Qualora Heidfeld riuscisse, magari aiutato da un pizzico di fortuna, ad archiviare la pratica Kubica, dovrà fare i conti con la sua BMW e con la forza dei rivali. A tal proposito Mario Theissen, il primo a parlare di titolo mondiale, si dice molto fiducioso e conferma che le stagioni di apprendistato si sono concluse:“Quella che ci apprestiamo ad affrontare sarà la piu’ difficile da quando siamo entrati in Formula 1″ spiega il boss BMW sottolineando come sia sempre l’ultimo gradino il più difficile da salire ma confidando enormemente sulla programmazione fatta e sulla capacità mostrata dal suo gruppo di sapere sempre raggiungere gli obiettivi.