Nicky Hayden: in Ducati è tutto trasparente

Lo statunitense Nicky Hayden, al suo primo anno nel Team Marlboro Ducati, arriva da una stagione poco convincente e di certo nel 2010 cercherà di riscattarsi agli occhi dei tifosi di Borgo Panigale

da , il

    Lo statunitense Nicky Hayden, al suo primo anno nel Team Marlboro Ducati, arriva da una stagione poco convincente e di certo nel 2010 cercherà di riscattarsi agli occhi dei tifosi di Borgo Panigale. L’anno scorso Hayden ha accusato il non aver potuto fare più prove con la Desmosedici, ma nelle ultime gare è sembrato più a suo agio in sella alla “Rossa”, e in più potrà sfruttare a suo vantaggio i dati di Casey Stoner, ai quali ha libero accesso: “Tutto è un libro aperto lì. Penso che sia uno dei punti di forza della Ducati.

    Sicuramente non è stata la stagione che mi aspettavo. Speravo di avere un’annata migliore. Terminare in tredicesima posizione è quasi imbarazzante.

    Nicky Hayden si aspettava sicuramente di più dalla sua prima stagione in Ducati.

    L’ex pilota della Honda ha lamentato il poco tempo che gli è stato concesso per scoprire i segreti della Desmosedici (e quest’anno i test pre-stagione sono stati tagliati ulteriormente): “Il fatto è che all’inizio dell’anno, abbiamo fatto molta fatica, e appena iniziato l’anno abbiamo infilato alcuni risultati negativi. Le prime 5 gare sono state quasi un disastro,” ha dichiarato l’americano, “Abbiamo avuto un sacco di pioggia nei test pre-stagione, dal primo test a Valencia all’ultimo a Jerez. Ma ancora di più, i test durante la stagione. I due passi più grande che ho fatto sono stati dopo il test di Barcellona e dopo quello di Brno. Dopo quelli veramente abbiamo iniziato a ottenere qualche risultato decente.

    Hayden ha concluso affermando che lui ha libero accesso ai dati di Casey Stoner, come tutti in Ducati: “Dal team satellite ai piloti ufficiali, si sale sul camion, è tutto il team manager da tutti e quattro i capo-meccanici da tutti e quattro i piloti, ora cinque, si lavora sullo stesso camion, si condividono tutte le informazioni stesse. Penso che sia un punto di forza per loro.

    Una frecciatina al muro che in Yamaha divide Valentino Rossi da Jorge Lorenzo?