Nicky Hayden: in Ducati per correre con i migliori

Nicky Hayden ha approfittato della presentazione del Team Ducati Marlboro tenutasi al Wrooom di Madonna di Campiglio per fissare gli obiettivi da raggiungere durante la stagione 2010: il pilota statunitense vuole confermare la buona forma evidenziata nella seconda parte del campionato e ambisce a colmare la lacuna che ancora lo separa dal compagno di scuderia Casey Stoner e dagli altri Top Rider della MotoGP

da , il

    Nicky Hayden ha approfittato della presentazione del Team Ducati Marlboro tenutasi al Wrooom di Madonna di Campiglio per fissare gli obiettivi da raggiungere durante la stagione 2010: il pilota statunitense vuole confermare la buona forma evidenziata nella seconda parte del campionato e ambisce a colmare la lacuna che ancora lo separa dal compagno di scuderia Casey Stoner e dagli altri Top Rider della MotoGP.

    Hayden ha dichiarato di apprezzare la nuova Desmosedici GP10, che considera la moto adatta per competere con i migliori piloti della classe regina.

    Nicky Hayden vuole che il 2010 sia l’anno della sua consacrazione. La passata stagione (la prima con la Ducati) lo ha visto un po’ in affanno, sia come prestazioni che come risultati, e soprattutto durante la prima parte del campionato.

    L’americano ha poi pian piano riguadagnato fiducia e nella seconda parte del mondiale è migliorato al punto di conquistare il podio ad Indianapolis e convincere la Ducati Marlboro a riconfermarlo come team mate di Casey Stoner.

    Ed è proprio dalla seconda parte del campionato che il Campione del Mondo 2006 vuole ripartire: “La scorsa stagione è stata più dura di quanto ci aspettassimo,” ha dichiarato Hayden durante la conferenza stampa di Madonna di Campiglio, “Ho iniziato male, con un paio di cadute, ma sono soddisfatto per essere riuscito a progredire gran premio dopo gran premio. Ora è tempo di pensare alla nuova annata, e spero di riprendere da dove ho lasciato, così da colmare le distanze con i migliori… Trovare il limite della Desmosedici a volte è difficile ma il suo potenziale è altissimo.