Nuova Ferrari F1 2016: bianca e rossa ma con un solo obiettivo!

Nuova Ferrari F1 2016: bianca e rossa ma con un solo obiettivo!
da in Ferrari F1, Formula 1 2017, News F1

    presentazione nuova ferrari f1 2016 maranello

    La Nuova Ferrari F1 2016 di F1 ha una livrea con inserti bianchi oltre al solito e immancabile Rosso. Persino il profilo twitter della scuderia italiana ha “giocato” con le indiscrezioni facendo un sondaggio tra i tifosi che hanno scelto la soluzione immaginata dalla Gazzetta dello Sport. Soluzione che, a ben vedere, è quella che rispetto ad altre riduce la presenza bianca. Appunto. Ci sarà un perché? Certo: al di là del desiderio di un ritorno ai mitici anni ’70 con le vittorie della 312T di Niki Lauda, il bianco evoca anche qualche brutto ricordo come il precedente tentativo di revival targato Montezemolo nella stagione 1993. Messa da parte la scaramanzia, comunque, stavolta i presupposti sembrano diversi dato che le novità più interessanti non sono nei colori ma nelle forme e… nella sostanza.

    Era il 1992. Anno Orribile per tutti. In particolare per Ivan Capelli che ebbe la possibilità di essere pilota ufficiale della Ferrari. Le sue prestazioni furono più che deludenti. Quelle della macchina non furono da meno. Nel 1993 il pilota italiano già non c’era più ma la monoposto non fu chissà quanto migliore. Di quell’esperienza i tifosi ricordano solo la striscia bianca all’altezza della testa del pilota. Una livrea che allora fu definitiva “vecchio stile” esattamente come accade oggi. A questo proposito, è proprio Capelli a dare la sua personale interpretazione dei fatti:“Sono un po’ perplesso del ritorno al bianco - ha ammesso in una intervista a La Repubblica – non sempre il bianco ha portato fortuna alla Ferrari. E’ andata bene negli anni ’70 ma dopo il 1993 è stato abolito e i risultati sono andati sempre migliorando grazie al ritorno del rosso tradizionale”.

    Intervistato da LaPresse, c’è un altro uomo che ha fatto la storia della Rossa nei primissimi anni ’90 che dice la sua sulle prospettive della Ferrari per la stagione 2016 di Formula 1:“Le macchine non si giudicano dall’estetica ma dai risultati in pista – ha ricordato Cesare Fiorio Mercedes e Ferrari hanno scavato un solco rispetto alla concorrenza. Renault e Red Bull, invece, rappresentano delle incognite poiché non sappiamo quanto saranno competitive dal punto di vista motoristico sebbene possano avere un buon potenziale per quanto riguarda l’aerodinamica. La Williams difficilmente sarà ancora in grado di impensire la Ferrari e mi aspetto una decisa crescita da parte dalla Honda”. La Ferrari è condannata a vincere per blasone e DNA:“Non puoi lottare per le posizioni di rincalzo - ha sottolineato – la gente vuole vedere una Ferrari vincente e se ci riuscissero quest’anno sarebbe un grande risultato ma va messo in conto che a volte sono anche gli episodi a decidere una stagione. Sarebbe un problema, invece, se dovesse confermarsi una netta inferiorità”.

    579

    PIÙ POPOLARI