Nuova Ferrari F1 2016: superato il crash test

Formula 1 2016: la nuova Ferrari ha superato i crash test della FIA. Il lavoro procede senza soste in fabbrica a Maranello mentre la squadra test è impegnata in pista al Paul Ricard per sviluppare con Pirelli nuove gomme da bagnato.

da , il

    La nuova Ferrari di Formula 1 che sarà guidata da Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen nella stagione 2016 ha già superato i crash test della FIA. Il primi a darne l’annuncio sono stati quelli di Autosport. La vettura, ancora chiamata con il nome in codice di 667, segue il destino di Haas, Renault e Manor che sono state le prime tre monoposto ad ottenere l’omologazione da parte della Federazione Internazionale dell’Automobile. Il fatto che non ci siano stati ritardi in tal senso è molto interessante poiché altre vetture che sono passate dal muso lungo a quello corto (come pare abbia fatto James Allison quest’anno) hanno sofferto più del previsto nel superare la prova di impatto frontale.

    Raikkonen: “Test sul bagnato utile per noi”

    Mentre a Maranello si lavora sodo per sviluppare la nuova Ferrari di F1 2016 sfruttando soprattutto i dati raccolti nel simulatore ed in galleria del vento, al Paul Ricard va in scena la seconda e ultima giornata di test sul bagnato con le gomme Pirelli. Al volante della macchina del 2015 c’è oggi Sebastian Vettel. Ieri era toccato a Kimi Raikkonen. “Ho già fatto test di questo tipo per cui non è stata una novità – ha dichiarato Iceman – A livello di risposta degli pneumatici invece reputo ancora prematuro dare un giudizio positivo. Ma la sessione è stata utile sia per aiutare il fornitore, sia per noi visto che in condizioni simili non siamo esattamente fortissimi. In questo modo abbiamo potuto godere di un circuito bagnato in maniera omogenea e dunque siamo riusciti a capire meglio dove intervenire per risolvere i problemi”.

    Ferrari: Pat Fry segue Tombazis alla Manor

    Nella lunga lista di quelli che hanno lasciato la Ferrari al termine del 2014 compare anche il nome di Pat Fry. L’ex direttore tecnico, al pari del capo aerodinamico Nikolas Tombazis, ha trovato un nuovo ruolo in Manor. La scuderia inglese punta ad una decisa crescita prestazionale grazie all’ingaggio di uomini di esperienza e forte della partnership tecnica con Mercedes che non si limiterà alla sola fornitura della loro stellare power unit. In un tweet, la squadra del direttore tecnico Bob Bell informa che Fry avrà un ruolo di consulenza.