Nuova Ferrari F1 2017: anteprima presentazione on line, oggi il 1° test

Nuova Ferrari F1 2017: anteprima presentazione on line, oggi il 1° test
da in Ferrari F1, Formula 1 2017, News F1, Nuova Ferrari F1, Presentazioni F1 2017
Ultimo aggiornamento: Venerdì 24/02/2017 09:18

    presentazione nuova ferrari f1 2017 sf70 sito ferrari

    Venerdì 24 febbraio ore 09.45, oggi! La presentazione della nuova Ferrari di F1 2017 è arrivata. Si dovrebbe chiamare Ferrari SF 70 H, o qualcosa del genere, in onore dei 70 anni di storia del Cavallino Rampante (la H, invece, sta a ricordare la propulsione Hybrid). Sarà online, visibile sul sito ufficiale della Ferrari, come prassi ormai consolidata al tempo del web e dei social network a farla da padroni. Immediatamente dopo la presentazione, meteo permettendo, la nuova Ferrari sarà portata sull’adiacente circuito di Fiorano per un primo test, un filming day di 100 Km, che servirà a raccogliere immagini per gli sponsor ed a verificare il corretto assemblaggio di tutte le componenti in vista dei test collettivi che partiranno a Barcellona lunedì 27 febbraio.

    Dire “la Ferrari della Ferrari” in sede di presentazione della Nuova Ferrari di F1 2017 dice tutto. Dice che questa macchina non ha un vero papà. Dice che il vecchio direttore tecnico James Allison è stato allontanato in malo modo dopo aver convinto Marchionne che la monoposto del 2016 sarebbe stata un missile capace di rendere la vita dura alla Mercedes. Il buon Sergio gli credette e si lasciò andare a dichiarazioni roboanti che lo trasformarono in scemo del villaggio di fronte alla realtà della pista. Parole sue. Ironia della sorte, quell’Allison mandato via a calci nel sedere è ora il nuovo direttore tecnico proprio della Mercedes. Chi avrà fatto l’affarone? Lo scopriremo poi.

    Leccandosi le ferite, i capi della Ferrari hanno deciso di promuovere e valorizzare le intelligenze interne all’azienda negando un ingaggio persino a Paddy Lowe, direttore tecnico della Mercedes che ha dominato gli ultimi 3 anni. A lui è stato preferito Mattia Binotto, ex capo dei motoristi, uomo d’ordine e capace di esaltare le qualità dei singoli mantenendo trasparenza e coerenza tra tutti i reparti. Ecco: trasparenza è una delle parole sulle quali Marchionne ha voluto puntare. Ora tutti sanno tutto, magagne comprese. Non ci sono più geni che dall’alto del proprio ufficio controllano la situazione senza far sapere come stanno realmente andando le cose.

    In Ferrari oggi non ci sono segreti tra i reparti. E qui arriva la nota dolente: pare che il lavoro svolto fino ad oggi, in fretta e furia dopo la rivoluzione di ruoli e metodi di lavoro dell’agosto scorso, abbia partorito una monoposto non esaltante. Lo dimostra la scelta di usare un passo corto mentre tutti gli altri sono andati nella direzione opposta, ad esempio. Lo confermano le bocce cucite di tutti i protagonisti. Un episodio su tutti è sintomatico. La testata Speedweek aveva riportato qualche giorno fa delle dichiarazioni di Vettel che risalivano a fine 2016 in cui si diceva ottimista sulle sue prossime possibilità di vincere il titolo. Nel giro di poche ore un comunicato ufficiale della Ferrari smentiva quelle dichiarazioni sottolineando, appunto, che risalivano ad alcuni mesi fa e che non avevano nulla a che vedere con la presentazione della nuova Ferrari di F1 2017. Dopodiché, al netto di qualunque speculazione, c’è anche la possibilità che Marchionne, stavolta, voglia prendersi una rivincita facendo un sorpresone a tutta l’agguerrita concorrenza.

    707

    PIÙ POPOLARI