Nuova Yamaha M1 2016, Jorge Lorenzo: “Spero nel bis o che vinca Valentino”

Jorge Lorenzo è intervenuto per la presentazione della nuova Yamaha MotoGP 2016. Il campione del mondo ha stretto la mano a Valentino Rossi dopo il finale di stagione ricco di polemiche.

da , il

    Questa mattina è stata svelata la nuova Yamaha M1 che prenderà parte al mondiale della MotoGP 2016. I veli alla M1 sono stati a Barcellona dai due piloti della scuderia: Jorge Lorenzo e Valentino Rossi. I due rivali si sono stretti la mano anche se il clima sembra non essere quello dei tempi migliori. Troppo aperta la ferita della passata stagione per stimarsi e rispettarsi come un tempo. Girate la pagina per leggere l’intervista rilasciata da Jorge Lorenzo durante la presentazione del team Movistar Yamaha Racing.

    L’intervista di Jorge Lorenzo

    Jorge Lorenzo si è presentato ai microfoni come nuovo campione del mondo della MotoGP: “Spero che si ripeta una stagione come quella del 2015 perchè vorrebbe dire che siamo la squadra da battere. Voglio vincere nuovamente il titolo mondiale piloti, questo è il mio obiettivo ma se non dovesse capitare mi auguro che il nuovo campione del mondo sia Valentino Rossi. La cosa più importante è che vinca il Movistar Yamaha Racing”. Come Valentino Rossi, anche Jorge Lorenzo ha usato tanto il politically correct non andando mai a toccare tasti dolenti come il finale di stagione del 2015 colmo di polemiche, penalità e ricorsi. Jorge Lorenzo ha invece analizzato nel dettaglio il suo stato fisico e quello della sua nuova moto: “Non sono al 100% della condizione fisica ma lo sarò per l’inizio del campionato. La M1 è competitiva e lo si è visto lo scorso campionato ma dovremo comunque vedere bene se ci saranno problemi con i nuovi regolamenti. L’elettronica sarà parecchio diversa e questo potrebbe farci perdere molto feeling con la moto”. Jorge Lorenzo ha voluto parlare del suo rapporto con gli altri piloti: “La situazione attualmente è normale, in quanto non ho problemi con nessuno in particolare né con Marquez, né con Pedrosa, né con Valentino Rossi. L’anno scorso ho dato il massimo in pista e sono andato il più forte possibile per raggiungere il titolo mondiale”.

    Lorenzo ha chiuso la propria intervista pensando ai rivali: “Nella corsa per il titolo bisognerà stare attenti anche alla Suzuki che è sembrata veloce nei test di Valencia. Dobbiamo lavorare per farci trovare pronti con i nuovi pneumatici ed elettronica”.