Nuovo Logo F1 2018: imbarazzante scelta

3 proposte che non entusiasmano per il nuovo logo della F1 voluto da Liberty Media

da , il

    Nuovo Logo F1 2018: imbarazzante scelta

    La Formula 1 avrà un nuovo logo per la stagione di F1 2018 e sarà probabilmente ufficializzato al termine del GP di Abu Dhabi 2017. Liberty Media ha diffuso le tre proposte rimaste in gara e già registrate per tutelarne i diritti d’autore. Con sommo stupore, si tratta di tre soluzioni assolutamente senza appeal e di scarso impatto che faranno rimpiangere la bellissima è ormai arcinota soluzione grafica attuale.

    Spazzando via il logo F1 originale, se ne va un altro pezzo di storia della Formula 1 legato alla gestione di Bernie Ecclestone. L’obiettivo dichiarato di Liberty Media è portare aria nuova e idee originali. Per sottolineare il cambiamento, hanno deciso di cominciare dal marchio F1.

    Nuovo logo F1 2018: nuova energia?

    Liberty Media ha fatto sapere che l’obiettivo del nuovo logo è quello di fare nuova energia al marchio F1. Lo ha spiegato l’amministratore delegato Chase Carey a Ske Sports:“Vogliamo dare nuova energia e crediamo fosse giusto partire dal logo. Sicuramente quando c’è un cambiamento si generano varie sensazioni e diversi punti di vista. Noi cerchiamo di portare un’ondata di freschezza e portare avanti il nostro sport con tante nuove idee”.

    Logo F1: significato

    logo f1 2017
    Logo F1 2017

    L’attuale logo F1, celebrato e apprezzato anche da molti grafici, è uno dei più famosi di tutti i tempi all’interno del mondo dello sport. Nello spazio in negativo si legge il numero 1 e, grazie a questa soluzione, riesce a comunicare l’essenza della Formula 1, velocità e energia che si integrano perfettamente. Il colore nero rappresenta forza e determinazione, il rosso passione energia.

    F1: aria nuova arriverà da Internet

    Liberty Media parla di aria nuova in Formula 1. Lo fa pensando, ad esempio, ad espandersi maggiormente in rete:“La Formula 1 su internet è quasi a livello di start-up dato che non è stato fatto ancora quasi nulla sul digitale e sui social media - ha ammesso Ross Brawn – ciò rappresenta un bene poiché possiamo fare molto ma anche un male perché dobbiamo partire dalla basi“.

    Il capo della sezione sportiva di Liberty Media crede che le tecnologie digitali debbano avere l’obiettivo di aumentare la capacità di coinvolgimento dello spettatore:“Ci sono tantissime informazioni che possiamo fornire per far capire ad appassionati e spettatori casuali quanto sia ricca di contenuti la F1 e ci proveremo già dal prossimo anno”.