Pagelle SBK: Round 8 – Misano

Doppia vittoria di Bayliss

da , il

    pagellinealbert

    Un granitico Troy Bayliss si impone in entrambe la manche disputatesi sul circuito di Misano e si catapulta al secondo posto in classifica generale a sole 21 lunghezze dal leader del mondiale James Toseland.

    Episodio chiave di Gara 1 un contatto tra Biaggi e Haga che ha eliminato i due piloti caduti rivinosamente, spianando così la strada a Bayliss che con andatura “turistica” ha concluso in scioltezza la prima manche seguito con distacco da Corser e Kagayama.

    Gara 2 ha visto un ostico Haga incollarsi agli scarichi del solito Bayliss, il quale però assestando una fenomenale sequenza di giri attorno all’ 1’36″1 ha sfiancato la resistenza del giapponese terminando con quasi 2″5 di vantaggio. Terzo gradino del podio per Max Biaggi che, fagocitato dal gruppo nei primi giri a causa una partenza stentata, riesce con una bella rimonta a guadagnarsi il gradino più basso del podio.

    BAYLISS: In Gara 1 due mastini come Haga e Biaggi lo tallonano ringhiando. La sorte poi ci mette lo zampino ed i due si toccano finendo fuori pista: Troy ringrazia. Nella seconda dimostra la sua superiorità staccando di prepotenza Haga che si deve accontentare del secondo posto. Durante la settimana antecedente la gara aveva studiato le tabelline: recuperare a Toseland 10 punti a Gp per vincere il titolo. Applica quanto studiato alla perfezione.

    Doppietta e giro veloce…manca solo la pole.

    SECCHIONE

    Voto: 9

    HAGA: NitroNori ce la mette tutta, non è più il pilota da “qualche gara a stagione”. La consistenza che sta mostrando durante questo 2007 è quella di un pilota che ha raggiunto la maturità agonistica. Se non ci fosse stato il contatto con Biaggi, avrebbe conteso la vittoria di manche a Bayliss. Superfluo chiedergli un parere sulla responsabilità dell’accaduto…(vedere la reazione post-scivolata). Soffre dei postumi della caduta che ne condizionano il rendimento sulla distanza in Gara 2. Da buon samurai, stringe i denti e termina in seconda posizione.

    STOICO

    Voto: 8

    BIAGGI: Ci regala un post Gara 1 alla “Forum”; manca solo il giudice Santi Licheri. Tifosi innocentisti e detrattori colpevolisti si azzuffano verbalmente…ce ne laviamo le mani con un salomonico:” In gara può succedere. Queste sono le corse…”. Scherzosamente evidenziamo l’inopportunità di cadere in curva proprio di fronte a Valentino Rossi. A prescindere dalla responsabilità soggettiva nell’episodio con Haga, disputa due buone gare. Nella seconda, alla quale partecipa anch’egli in non perfette condizioni, dopo una partenza incerta rimonta con veemenza fino ad agguantare il terzo posto.

    ARREMBANTE

    Voto: 7 e 1/2

    KAGAYAMA: Ottiene più punti del compagno di squadra, un certo Max Biaggi. Un terzo posto in Gara 1 ed un quarto in Gara 2 sono il risultato di due manche disputate sempre all’attacco. Nel finale della seconda gara raggiunge e passa Corser, poi però finisce la gomma e la sua moto comincia a spazzolare la pista oscillando come il pendolo di Foucault. Non può far nulla contro un grintoso Max Biaggi che lo supera senza grosse difficoltà togliendogli il terzo posto.

    RESUSCITATO

    Voto: 7+

    CORSER: Se la gara fosse stata sul giro secco avrebbe sicuramente vinto. Purtroppo per lui i giri sono 24 per manche. Re indiscusso della superpole, ha raggiunto quota 40. Un calo di potenza in Gara 1 gli preclude la possibilità di restare a contatto con i primi fino agli ultimi giri. Raccoglie comunque un terzo posto dopo la caduta di Haga e Biaggi. Una seconda manche senza mordente gli frutta un quinto posto.

    EVAPORATO

    Voto: 6 e 1/2

    TOSELAND: Week end difficile. I campioni devono anche saper incassare. Cerca di contenere il più possibile l’emorraggia di punti. Capitalizza il miglior risultato ottenibile con una guida sempre al limite. James “il pianista” vorrà sicuramente dimenticare al più presto questa gara per tornare dal prossimo appuntamento a fare il solista.

    STONATO

    Voto: 6 +

    LANZI: Il confronto con il compagno di squadra è a tratti imbarazzante e quasi ci si dimentica che il Team Xerox Ducati schiera due moto. Sesto e nono non sono piazzamenti esaltanti considerando il mezzo tecnico a disposizione. Un italiano su di una moto italiana, speriamo di rivederelo presto al vertice.

    DESAPARECIDOS

    Voto: 5

    ROLFO: Stesso discorso fatto per Lorenzo Lanzi. Moto ufficiale, risultati mediocri sopratutto rapportati a quelli del compagno di Team; peccato perchè dopo Monza sembrava aver ritrovato la retta via…

    SMARRITO

    Voto 5