Paul Hembery su Derapate: voglio una monoposto e non aiutiamo la Ferrari

da , il

    Paul_Hembery

    Paul Hembery, direttore di Pirelli Motorsport, è l’uomo che rappresenta Pirelli in pista, in altre parole il “gommista” della Formula 1. Lo abbiamo incontrato ad Abu Dhabi in occasione della presentazione dei nuovi pneumatici Pirelli 2012 al circuito di Yas Marina. Abbiamo fatto due chiacchere con il “gommista” della Formula 1 su quello che è stato il 2011, primo anno per Pirelli come fornitore unico di pneumatici e sulle novità presentate in vista del 2012, le nuove mescole. Abbiamo anche approfittato per porre una domanda dei lettori di Derapate sulle continue voci su una possibile declinazione della Pirelli nei confronti della scuderia italiana Ferrari.

    Paul è uomo abituato districarsi tra Team Manager delle scuderie, piloti, Fia ed Ecclestone e quindi abituato rispondere a qualunque domanda senza problemi e sempre con un sorriso.

    La stagione 2011 per Pirelli è stato un successo secondo Paul a parte un piccolo dettaglio che ci dice direttamente lui

    Per quanto riguarda la stagione 2012 nuovi pneumatici con nuove mescole e il recupero di un brand del passato come il cinturato (mossa commerciale e di marketing?). Per quanto riguarda le continue voci e illazioni su aiuti alla Ferrari risponde direttamente lui.

    Fuori dai microfoni abbiamo anche parlato di un problema che al momento non sembra trovare una soluzione adeguata. La Pirelli e Paul chiedono da un po’ di tempo la possibilità di avere un telaio recente per sviluppare le nuove gomme.

    La Pirelli sta ancora effettuando i test con la Toyota Tf109, una monoposto che non è più adatta a fornire le necessarie informazioni per lo sviluppo di una monoposto 2012 (la Toyota manca di 30 km/h di velocità massima e ha ancora un serbatio di 50 litri contro i 200 di adesso). Effettivamente è un problema che non solo si lega alle prestazioni ma alla sicurezza stessa.

    L’ipotesi di una modifica della Toyota è da escludere in quanto costerebbe piu’ che comprare un qualunque telaio di F1. Paul conclude dicendo che bisognerà aspettare i test invernali durante i quali i team non sveleranno tutto il loro potenziale e sopratutto le condizioni esterne di temperatura non saranno le stesse che si incontreranno durante la stagione.

    Paul alla prossima riunione coinvolgerà la FIA a portare nel regolamento della F.1 anche i test del gommista, altrimenti trovare un punto di incontro fra tutte le squadre potrebbe diventare difficile e il “gommista ufficiale” necessita di un telaio aggiornato.