Peugeot Rally 2016: Paolo Andreucci alla rincorsa del decimo titolo nel CIR

Sta per cominciare il campionato italiano rally 2016. La Peugeot ha svelato le macchine con cui parteciperà all'assoluto e al campionato rally junior. Nell'assoluto Paolo Andreucci, affiancato da Anna Andreussi, cercherà di conquistare il decimo titolo tricolore della propria carriera. La Peugeot 208 T16 è la macchina da battere. Nel rally junior la 208 R2 è affidata al giovane Giuseppe Testa, affiancato da Daniele Mangiarotti.

da , il

    Ci avviciniamo all’inizio del campionato italiano rally 2016 e la Peugeot sta già scaldando i motori. In una serata alla sede milanese di via Gattamelata, Peugeot Italia ha svelato le vetture che prenderanno parte al tricolore di cui difendono il titolo. La 208 T16 sarà affidata come sempre all’asso Paolo Andreucci, il campione più titolato nell’ambito italiano. Affiancato dalla navigatrice e moglie Anna Andreussi tenterà nel 2016 di vincere “la stella”, cioè di aggiudicarsi il decimo titolo italiano della propria carriera. L’equipaggio per il campionato rally junior è composto dal giovanissimo Giuseppe Testa e dall’esperto navigatore Daniele Mangiarotti. A loro il compito di condurre la 208 R2 al maggior numero di risultati positivi. Non va poi dimenticata l’altra attività nella stagione sportiva italiana della casa, cioè l’organizzazione del trofeo promozionale Peugeot Competition, riservato ai clienti sportivi.

    LE TAPPE DEL CAMPIONATO ITALIANO

    La Peugeot ha vinto 7 degli ultimi 8 campionati e gli ultimi due consecutivi. In totale sono 8 i titoli tricolore vinti dalla casa francese. Quest’anno dovrà guardarsi in particolare dalla Skoda, l’avversario certamente più forte. La stagione 2016 è composta da otto gare. Diamo un’occhiata al calendario. Si comincerà il 20 marzo col rally del Ciocco e Valle del Serchio. Il 10 aprile toccherà al rally di Sanremo. L’8 maggio sarà il turno della Targa Florio, che quest’anno festeggia la centesima edizione. Passiamo al 29 maggio per il rally Adriatico. Il 10 luglio sarà la volta del rally di San Marino. Dopo la pausa estiva, il 28 agosto si riprenderà col rally del Friuli Venezia Giulia. Il 25 settembre ci sarà l’appuntamento col rally di Roma Capitale. Si chiuderà il 16 ottobre col rally Due Valli.

    I NUMERI DELLA PEUGEOT 208 T16

    21 Peugeot 208 T16 2016

    Illustriamo le caratteristiche della vettura che la Peugeot metterà sul terreno per difendere il titolo italiano assoluto, cioè la 208 T16, ricordando che nel 2015 ha vinto 4 gare su 8 e si è comportata benissimo anche nell’unica prova disputata del mondiale, il rally d’Italia-Sardegna, dove si è classificata all’ottavo posto assoluto e seconda nella categoria WRC2.

    La vettura ha un motore tipo EP6 CDT; 4 cilindri 1.6 turbo. Iniezione diretta ad alta pressione Magneti Marelli. Aspirazione a monovalvola e 4 valvole per cilindro. Eroga una potenza massima di 280 cavalli a 6.000 giri, insieme ad una coppia massima di 400 Newton metri a 2.500 giri. Il limitatore è posto a 7.500 giri.

    La trazione è integrale, abbinata a due differenziali autobloccanti ed un cambio sequenziale a 5 marce. Sospensioni pseudo McPherson sia all’anteriore che al posteriore. I freni sono Alcon a 4 pistoni. Nella configurazione per l’asfalto hanno dischi da 355 mm di diametro, mentre per le gare su terra hanno 300 mm.

    Lo sterzo è diretto ad assistenza idraulica. Le gomme Pirelli hanno dimensioni 225-40-18 per le gare su asfalto, 215-65-15 per quelle su terra. Sono montate su cerchi in alluminio monoblocco da 18 pollici per l’asfalto e da 15 per la terra. La vettura pesa 1.200 Kg.

    I DETTAGLI DELLA PEUGEOT 208 R2

    29 Peugeot 208 R2 2016

    Veniamo alla Peugeot 208 R2 impegnata nel campionato rally junior. Il motore ha la stessa base di quello della T16, con alcune differenze. La potenza massima è limitata a 185 cavalli a 7.800 giri, la coppia massima è di 119 Nm a 6.300 giri. L’iniezione è indiretta. Il cambio è sequenziale a 5 rapporti con comando meccanico. Frizione idraulica monodisco. La trazione è anteriore. Le sospensioni sono pseudo McPherson all’avantreno, mentre al retrotreno hanno un asse ad H rinforzato. Il peso minimo regolamentare è di 1.030 Kg a vuoto, 1.180 Kg con equipaggio. I cerchi per l’asfalto hanno un diametro di 16 pollici, mentre per la terra sono da 15.

    UCCI E USSI DIRETTI VERSO LA STELLA

    02 Peugeot rally 2016 presentazione

    Paolo Andreucci è già il pilota che ha vinto il maggior numero di campionati italiani, nove. Le vittorie nei singoli rally sono salite all’impressionante quota di 48. Quindi è naturale inseguire il record dei dieci titoli, “la stella”, per usare un linguaggio calcistico. Al suo fianco, in macchina come nella vita, sempre Anna Andreussi. Non sarà ovviamente facile. Gli altri non partecipano solo per fare passerella. Queste le previsioni del campione della Garfagnana: “Se nel 2014 il nostro obiettivo era essenzialmente di sviluppare al meglio l’allora debuttante 208 T16, l’anno scorso abbiamo dimostrato che questa vettura ha il carattere della vincente. Proprio per questo iniziamo la nuova stagione con ottimismo, per lottare, come sempre, per il gradino più alto del podio“.

    L’asso tricolore aggiunge: “Certo, la concorrenza non starà a guardare, pronta a darci filo da torcere, ma questo è il bello delle corse. Comunque, noi sappiamo di poter dire la nostra ancora una volta perché disponiamo di un’ottima vettura, del supporto di partner tecnici importanti come Total e Pirelli e, perché no, di un equipaggio ancora sempre molto motivato“.

    RALLY JUNIOR TEAM, IL FUTURO E’ OGGI

    05 Peugeot rally 2016 presentazione

    Il campionato italiano rally junior è riservato ai piloti sotto i 25 anni. Peugeot ha affidato quest’anno il volante della 208 R2 al 22enne Giuseppe Testa. Il suo navigatore sarà il 30enne Daniele Mangiarotti.

    Il direttore delle relazioni esterne del gruppo PSA Italia, Eugenio Franzetti, ha dichiarato: “Il Peugeot Rally Junior Team è un impegno importante per noi, anche da un punto di vista economico; per lo sport tricolore deve invece essere uno sprone a dar fiducia ed opportunità ai nostri giovani talenti per facilitarli nella crescita sportiva e nell’inserimento in campo internazionale dove il tricolore è oggi poco rappresentato“.

    Giuseppe Testa, da parte sua, aggiunge: “Dire che sono felicissimo di essere entrato a far parte della famiglia Peugeot è dir poco. Nel 2015 sono stato selezionato dal Progetto Aci Team Italia grazie al quale ho partecipato a due gare del WRC con la Peugeot 208 R2, ed ho anche preso il via del Campionato italiano rally Junior, sempre con la 208 R2. Lo scorso anno ho avuto vicino Paolo e Anna come “tutor”. Quest’anno avrò la fortuna di poter condividere con loro tante sensazioni a “caldo” che sono sicuro arricchiranno tantissimo la mia crescita professionale e di vita. Con Daniele Mangiarotti, poi, c’è un ottimo rapporto e questo ci aiuterà molto in gara“.