Processo McLaren: tutti in aula tranne Todt. Per quando il verdetto?

Processo McLaren: tutti in aula tranne Todt. Per quando il verdetto?

oggi la sentenza sul processo mclaren, il consiglio della FIA si è riunito alle 9

da in Ferrari F1, Fia, McLaren F1, Regolamento Formula 1, spy-story-f1
Ultimo aggiornamento:

    Processo McLaren: tutti in aula tranne Jean Todt. A quando il verdetto?

    L’inizio del processo è per stamane alle 9.30. Ferrari contro McLaren. Stavolta non ci sono né Raikkonen né Alonso ma i rispettivi legali. Il giudice non è la pista, ma il Consiglio Mondiale della FIA.

    La Giuria.
    Prima la parola spetta agli avvocati e, dopo il dibattito, arriverà la camera di consiglio.
    26 persone hanno diritto di voto. Tra loro il presidentissimo Max Mosley, il boss Bernie Ecclestone, il presidente vicario Marco Piccinini, il numero 1 della commissione mondiale karting Gino Macaluso e, in rappresentanza della F1, Jean Todt. L’AD della Ferrari, però, per ovvio conflitto di interessi lascerà l’aula prima del voto affinché la sua presenza non influenzi i colleghi.

    La difesa.
    La tesi della difesa è nota. Gli avvocati della McLaren sostengono che le informazioni in possesso di Coughlan non sono mai servite per progettare la MP4-22 e che il team di Woking ha saputo del famosa 780 pagine di documenti solo i primi di Luglio.

    L’accusa.
    L’accusa, invece, dimostrerà non solo che Stepney aveva da tempo fornito al compare Coughlan il dossier sulla F2007, ma facendo leva sulla confessione rilasciata dallo stesso progettista McLaren vorrà dimostrare che ai vertici del team sapevano già da tempo del succoso fascicolo.
    Punto di forza dell’accusa, poi, è la famosa mail di Stepney a Coughlan dove a marzo l’ex capo meccanico di Maranello suggeriva all’amico di fare ricorso contro il fondo mobile della Ferrari. Dall’Inghilterra, però, fanno già sapere che la soffiata arrivo, invece, da riviste specializzate che pubblicarono alcuni disegni al riguardo.

    La sentenza.
    La norma del regolamento sportivo che la McLaren è accusata di aver violato è la 151-c.

    L’articolo prevede punizioni nel caso in cui vengano fatte azioni fraudolente che arrechino danno al buon nome dello sport.
    Inoltre, la mole di dati contenuta nelle 780 pagine è veramente impressionante e, per quanto non sia servita a progettare la vettura McLaren 2007, rappresenta comunque un netto vantaggio nei confronti della concorrenza.
    La sentenza arriverà forse stasera. Forse domani. L’impressione è che la faccenda non si chiuderà in fretta. A questo va aggiunto che è comunque possibile ricorrere alla Corte d’Appello.

    Le sanzioni.
    L’esito del processo è apertissimo. Lo è perché non siamo ancora a fondo consapevoli della situazione. Lo è perché si ha l’impressione che, per il buon nome dello sport o solo per tutelare MOLTI FORTI aspetti economici, c’è il rischio che la mano sia più leggera del dovuto.
    Squalifica per due anni dalla Formula 1. E’ questo il punto di partenza. Naturalmente impossibile. Da lì a scendere tutto può essere.
    Nelle ultime ore sta prendendo sempre più corpo l’idea del compromesso con azzeramente dei punti al team ma nessuna (o minima) penalità per i piloti. Ma sono solo voci. Non ci sarà da stupirsi neanche se Dennis e soci ne dovessero uscire puliti, almeno ufficialmente…

    533

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Ferrari F1FiaMcLaren F1Regolamento Formula 1spy-story-f1
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI