Qatar SBK: Max di nuovo nella Storia

Qatar SBK: Max di nuovo nella storia

da , il

    Max di nuovo nella storia

    Max Biaggi ha scritto di nuovo la Storia oggi in Qatar, col trionfale Gp di esordio in Superbike, vincendo subito, al debutto assoluto in questa Classe, ed aggiungendo un nuovo record Mondiale a quelli che già possiede.

    Senza voler ripetere quanto ho già scritto nel mio precedente articolo del 27 Marzo 2006 “Pedrosa non entra nella Storia, là in alto solo Jarno e Max“, Biaggi, oltre che un leggendario pilota, è anche uno strepitoso recordman, potendo vantare non solo i 4 titoli Mondiali consecutivi in 250, cosa MAI riuscita a nessuno nella Storia, ma anche la straordinaria impresa, che detiene a pari merito col grande Jarno Saarinen, di avere vinto al debutto in 500, al Gp di esordio nella Classe Regina del Mondiale Velocità.

    A chi voglia documentarsi, consiglio di ripescare in archivio l’articolo sopra citato.

    A questi due fantastici records Mondiali già in suo possesso, Max aggiunge adesso la vittoria all’esordio assoluto in Superbike: altra superba perla, altra epica, incredibile impresa che NON ha precedenti nella Storia.

    Come tutti sanno, molti hanno provato a correre nel Mondiale Velocità ed in Superbike, ma i due Campionati sono così diversi che NESSUNO ha MAI avuto successo in entrambi.

    Infatti, NESSUNO ha MAI vinto Titoli Mondiali in SBK ed in qualsivoglia Classe del Mondiale Velocità. Gli specialisti della SBK non hanno mai combinato molto nel Mondiale, e viceversa.

    Scorrendo la Storia dei due campionati, penso sia veramente impossibile smentirmi. Praticamente il solo Bayliss, in tempi recenti, ha vinto Titoli Mondiali SBK e almeno un GP nel Mondiale Velocità, per di più nello stesso anno (2006).

    “Texas Tornado” Edwards ha vinto Titoli in SBK, ma mai neppure un Gp nel Mondiale Velocità.

    Haga, Chili, Corser, Laconi, Barros sono solo alcuni tra gli altri piloti che hanno cercato fortuna in questi due mondi così diversi e lontani, ma senza brillare mai in entrambi.

    Max è il SOLO pilota nella Storia, come già ho scritto nel mio articolo del 12 Ottobre 2006 “Magny Cours SBK: bilancio finale del Campionato” (in cui, come al solito, ipotizzavo il vero, e di ciò oggi abbiamo avuto una prima riprova!) che potrebbe DAVVERO riuscire nella pazzesca, incredibile impresa di vincere Titoli Mondiali in entrambe queste diversissime specialità.

    Ciò a causa della sua suprema abilità di guida, del suo stile pulito ed inimitabile (in questo Max è il solo, vero erede del Grande Ago, vedere gli articoli: Max, Ago, Mike, Vale ed altri Miti, Parte 1 e 2), e della sua ferrea volontà, doti che lo hanno reso uno dei più efficaci, vittoriosi e sicuramente PIU’ VELOCI Piloti di Tutti i Tempi.

    Tra i Grandi del passato, solo l’immenso Mike Hailwood avrebbe potuto realizzare questa impresa: oltre alla Classe eccelsa che possedeva, e che tutti gli hanno riconosciuto (molti, proclamandolo il più Grande Pilota di Tutti i Tempi), Mike the Bike molto semplicemente DIMOSTRO’ di poterlo fare, quando nel 1978, dopo un ritiro dalle gare di moto di oltre 11 anni, ritornò dalla Nuova Zelanda e vinse clamorosamente la F1 Sport Production, cioè la Superbike di allora, su una Ducati mai vista prima, al TT dell’Isola di Man, la corsa più impegnativa, antica, gloriosa e pericolosa del Mondo.

    Con quella leggendaria Vittoria, Mike si aggiudicò il cosiddetto “Titolo Mondiale” F1, che però non è riconosciuto ufficialmente nè a lui, nè tantomeno a Read che lo vinse l’anno prima, perchè non si trattava un Titolo ufficiale FIM, e poi perchè, essendo in prova unica, davvero non aveva alcun valore, almeno comparato con i veri Titoli Mondiali.

    Dunque questi pseudotitoli F1 (che, comunque, detto per inciso, non hanno minimamente a che fare col Titolo Mondiale SBK) di Hailwood e Read NON hanno alcun valore (e infatti, nella Storia Ufficiale del Motociclismo, Mike resta a 9 Titoli Mondiali Piloti, e Phil a 7, con buona pace di questi due grandi Campioni, i cui favolosi palmares del resto non hanno alcun bisogno di titoli farlocchi) se paragonati alla titanica impresa, MAI RIUSCITA AD ALCUNO, che Biaggi si sta accingendo a tentare!

    Anche Agostini e Saarinen vinsero Titoli nel Mondiale Velocità e le 200 Miglia di Daytona e di Imola nello stesso anno, le due più importanti corse di allora di moto Derivate Serie, cioè in ultima analisi le Superbike attuali, il Finlandese Volante facendo questa storica accoppiata nel 73, e Mino ripetendola pari pari nel 74, ma di nuovo si tratta di corse singole, non certo di un lungo, vero Campionato Mondiale.

    Certo, non sarà facile riuscire a compiere ciò che nessuno si è mai sognato di fare prima di ora, ma, ripeto, Max è il SOLO pilota in attività capace di stabilire un simile record, un altro primato da aggiungere ai tanti che già possiede.

    A Losail, la prima gloriosa pietra di questo Storico edificio è gia stata posata.

    In cima, ci sarà un piedistallo importantissimo: quello, senza mezzi termini, del PIU’ GRANDE PILOTA DI TUTTI I TEMPI.

    Si: il pilota PIU’ VERSATILE di sempre, e dunque IL MIGLIORE in assoluto nella Storia. Nei fatti, non da un punto di vista teorico.

    SOLO MAX, degno erede di Ago e Hailwood, può essere degno di una simile Gloria.

    Oggi, una volta di più, ha dimostrato di meritarla.

    Io gli auguro di cuore di conquistarla.

    DONOVAN