Quali le giuste aspettative su Capi -T-rex?

Quali le giuste aspettative su Capi -T-rex?

da , il

    Quali le giuste aspettative su Capi -T-rex?

     

     

    Svelato ormai il “mostro” con cui Loris Capirossi e Casey Stoner affronteranno i circuiti della MotoGP nella prossima stagione, non resta che chiedersi, criticamente, quali possano essere i risultati delle Rosse e dei suoi piloti nel 2007.

    La stagione appena trascorsa è stata fantastica, per me e per la Ducati, ma mi ha lasciato l’amaro in bocca: ci è sfuggito qualcosa di bello. Il 2007, però, grazie anche all’ottimo lavoro svolto da Vitto Guareschi è partito bene. Parto per Sepang eccitato per le novità da provare che mi aspettano e non sono affatto preoccupato” dice il pilota ducatista.

    E aggiunge:“Non penso di correre molti anni ancora. Nel contempo, però, non ho mai pensato seriamente al ritiro. Perlomeno non fintantoché continuerò a divertirmi a guidare. Ho, addosso, la voglia e la passione che avevo vent’anni fa. Il bimbo in arrivo, però, non sarà un peso, piuttosto mi darà gioia ed anche maggiore carica”.

    Hai la fama di “cattivo”, in pista. E finora, Bayliss a parte, hai distrutto tutti i tuoi compagni di squadra. Che trattamento riserverai a Casey Stoner?

    Casey ha talento e cin valentino Rossi c’è reciproco rispetto. Conosco la sua forza e, per quel che riguarda i nostri rapporti fuori dalle corse, siamo amici, ma le nostre vite sono profondamente diverse.

    E, sull’ipotesi di avere il folletto di Tavullia come compagno di squadra nei prossimi anni, Loris dice:”Il mio contratto con la Ducati è in scadenza, ma chi guiderà la prossima Rossa dipenderà dai risultati. Se io non ne farò non sarà la Ducati a lasciarmi a piedi, ma io a smettere. Per fare il superconsulente come Schumacher? Non so. Non ci ho mai pensato”.

    C’è da chiedersi quante siano le probabilità per Capirossi di vincere un mondiale. Pilota determinato e veloce, dal talento immediato, non è però mai riuscito a portare a casa risultati in maniera costante. La causa non è certo solo il pilota, ma anche una difficile guidabilità della moto.

    Sia i tifosi, sia in Ducati si apettano i test di domani per vedere dove si piazzerà Loris. E speriamo che la Malesia porti bene alle Rosse!