F1: qualifiche già da cambiare? E come?

In un recente briefing tecnico tra i team sono state valutate le nuove qualifiche

da , il

    Pit-Lane

    In un recente briefing tecnico tra i team sono state valutate le nuove qualifiche. I parere sono stati sostanzialmente positivi da parte di tutti ma in molti hanno fatto notare l’asurdità dei primi giri della terza fase, nei quali si mira solo a consumare il carburante. E’ già giunto il momento di rimettere mano al regolamento? Ogni proposta è ben accetta.

    Ecco alcuni commenti:

    Pat Symonds, Renault:«Ho avuto la possibilita’ di vedere le qualifiche in Tv, e devo dire che non le ho trovate cosi’ eccitanti. Specialmente la prima parte del Q3, a mio parere, e’ estremamente lenta e noiosa. Si tratta di un passo avanti rispetto allo scorso anno, ma si puo’ migliorare. Come? Non ho ancora un’idea ben precisa: dobbiamo pensarci attentamente per non rovinare quello che di buono già abbiamo».

    Norbert Haug, Mercedes: «Certo, l’inizio del Q3 non e’ esattamente eccitante. Pero’ nel corso dell’intera ora ci sono almeno due o tre momenti salienti, ed e’ una buona cosa. Probabilmente il sistema andrebbe leggermente sistemato, tuttavia rispetto a quello che si e’ visto in passato credo che siano stati fatti dei progressi e non possiamo certo lamentarci. In futuro poi potremmo anche pensare di perfezionare la cosa, ma per ora direi che ci siamo».

    Nick Fry, Honda: «Le nuove qualifiche sono ok. Sono passate solo poche gare per cui credo sia presto per parlare gia’ di modifiche. So che la prima parte della terza sessione può essere noiosa, perche’ tutti girano solamente per consumare benzina. Però questo rende l’ultima parte ancora piu’ eccitante, in un crescendo di azione. Il mio suggerimento e’ di lasciarle cosi’ e aspettare che la gente si abitui».

    Infine, non poteva mancare Flavio Briatore. Il team manager della Renault è quello che attacca più duramente il format e, pur ammettendo la sua validità rispetto alle soluzioni adottate in passato, propone la sua cura: «Propongo che la sessione finale sia lunga solo quindici minuti con un rifornimento da fare prima della fine. Quando le qualifiche sono finite, poi, si chiudono le macchine nel parco chiuso senza poter più fare nessuna modifica. Quello che sta succedendo ora non ha senso per lo show».

    Noi pensiamo che potrebbe essere un buon esperimento anche quello di far correre gli ultimi venti minuti con serbatoio scarichi. Certo, annullando le strategie che si possono fare caricando più o meno benzina per la gara, ci sarebbe qualche imprevisto in meno e il più forte partirebbe sicuramente primo. Ma le qualifiche ritroverebbero il fascino che avevano una volta.

    E voi. Che idea vi siete fatti?