Raikkonen: 15 punti di distacco non sono nulla

raikkonen commenta la classifica di f1 2007 prima del gpo del cananda e si dice fiducioso per vincere il mondiale con la ferrari

da , il

    Kimi Raikkonen GP canada f1

    E’ un Kimi Raikkonen rilassato e fiducioso quello che si presenta a Montreal e parla coi giornalisti alla vigilia del Gran Premio del Canada.

    Dopo un periodo di riposto a casa in Finlandia, il pilota della Ferrari sembra preprato al meglio per cominciare la sua calda estate motoristica.

    Sarà che la Ferrari ha una tradizione molto positiva negli ultimi anni per quanto riguarda le trasferte nord-americane, sarà anche che i test svolti a Le Castellet prima di Monaco erano sembrati molto incoraggianti, fatto sta che Kimi Raikkonen si sente ancora pienamente in corsa per la lotta al titolo e, guardando ai 15 punti di distacco dai leader della classifica, non si abbatte ed, anzi, si mette pure lui a fare due conti:“Sono quarto, a quindici lunghezze di distacco dai leader: non e’ un abisso e con un paio di buoni risultati, magari accompagnati da qualche passo falso della concorrenza, la situazione cambiera’. Come ha detto Todt, se fossi cosi’ indietro a due gare dalla fine le mie chance sarebbero praticamente finite ma con dodici corse ancora da disputare allora questo non e’ un divario irrecuperabile. E’ chiaro che le gare di Barcellona e Monte Carlo non sono state buone per me ma sento di avere ancora le carte in regola per lottare per il titolo. Faro’ del mio meglio per arrivare sempre a punti e poi vediamo come sara’ la classifica. Ho imparato che, in Formula 1, si passa velocemente da essere un eroe ad essere uno zero: e’ la natura di questo sport. Io posso solo fare bene il mio compito e dare il meglio di me stesso”.

    Il punto chiave, al di là delle prestazioni di Raikkonen stesso, è proprio nella concorrenza. Fino ad ora è soltanto successo ad Alonso di fare un mezzo passo falso. Ma lo spagnolo si è poi prontamente ripreso. Quando ad Hamilton, il debuttante è sembrato più freddo ed esperto di qualsiasi veterano e se le cose continuassero così, nonostante manchino ancora 12 gare, i due flop consecutivi del ferrarista potrebbero comunque costargli molto cari. Non dimentichiamoci, infatti, che da metà stagione in poi alla Ferrari sceglieranno anche “ufficialmente” di puntare su Massa. Per il finlandese, quindi, restano davvero pochi GP per riportarsi a ridosso dei rivali.