Red Bull e Vettel: a Monza un doppio flop che vale una stagione

Formula 1: ritiro per le Red Bull di Vettel e Webber nel GP di Monza 2012

da , il

    Red Bull e Vettel: a Monza un doppio flop che vale una stagione

    Sebastian Vettel e Red Bull: due flop della stessa medaglia. Sul circuito di Monza, in occasione dell’edizione 2012 del Gran Premio d’Italia, tanto il campione del mondo in carica quanto la scuderia più vincente degli ultimi due anni si rendono protagonisti di una domenica disastrosa. Il tabellino dice che la monoposto con il numero 1 si becca prima una stupidissima penalità che la estromette dalle posizioni che contano (a seguire riportiamo le motivazioni dei commissari di gara) e poi si ritira a causa di un problema tecnico già emerso più volte e mai risolto. Siamo all’epilogo del dominio delle lattine volanti? Visto il passo che tengono Ferrari e soprattutto McLaren, sembra proprio di sì.

    Red Bull: l’alternatore colpisce ancora!

    Sebastian Vettel non vuole arrendersi:“Abbiamo perso dei punti ma soprattutto dobbiamo ammettere che il nostro passo non era così forte come quello dei primi. Nei prossimi circuiti che affronteremo non ci saranno tanti lunghi rettilinei, quindi possiamo riprendere la nostra sfida”. In fin dei conti, il ritiro stavolta è arrivato in un momento relativamente meno dannoso. A Valencia, rinunciare alla vittoria fu un vero shock. Il punto, però, è che non è possibile subire tre volte la rottura della stessa componente se si vuole ambire al titolo di campione del mondo:“Il problema all’alternatore è stato simile a quello che abbiamo avuto ieri mattina”, ha confermato Vettel. Per certi versi peggio del tedesco se l’è cavata Webber. L’australiano non ha accusato problemi tecnici ma non è riuscito mai ad essere della partita ed ha ingloriosamente messo fine alle sue fatiche con un testacoda a pochi giri dalla fine:“Non avevo più la gomma posteriore sinistra e stavo spingendo per resistere agli attacchi di Nico. Alla variante Ascari sono uscito ritrovandomi con le gomme spiattellate. Non riuscivo a rimanere in pista, non volevo rovinare la macchina. Così abbiamo deciso per il ritiro”. Il team principal Christian Horner, torna a parlare del problema di natura elettrica che affligge la Red Bull RB8:“Dobbiamo capire e lavorare con Renault per assicurarci che non accada di nuovo. E’ importante restare concentrati per le restanti sette gare”.

    Penalità a Vettel: ecco le motivazioni dei commissari di Monza

    “Per l’episodio con Fernando mi è stato inflitto un drive-through. Ormai così è stato deciso per cui non credo ci sia altro da aggiungere”, ha dichiarato Sebastian Vettel. Non se ne è discusso poi molto della penalità inflittagli per il semplice fatto che non ha spostato di nulla il risultato finale della gara. Tuttavia vale la pena capire il punto di vista dei commissari. A seguito dell’episodio avvenuto in Bahrain con Rosberg che spinge prima Hamilton e poi Alonso fuori dalla linea della pista, la FIA ha rivisto la norma. Ora la nuova regola dice che il pilota che sta davanti può scegliere la traiettoria solo fino a quando chi sta dietro non gli affianca almeno una parte della vettura alle ruote posteriore. In questo caso deve lasciargli lo spazio di una monoposto per farlo restare all’interno della pista. “Abbiamo spiegato prima della gara questo ai piloti, facendo vedere loro anche delle immagini. Dal nostro punto di vista la situazione era chiara e la decisione inevitabile”, ha raccontato Emanuele Pirro, facente parte dell’organo giudicante in quel di Monza.