Red Bull ed i buchi sul fondo: cosa farà Newey

Formula 1: la Red Bull dovrà affrontare la FIA che ragionerà sulla soluzione adottata da Adrian Newey dei buchi sul fondo della RB8

da , il

    red bull - buco sul fondo - monaco f1 2012

    Ci sono ben due buchi sul fondo della Red Bull RB8 di Mark Webber e Sebastian Vettel. Adrian Newey ha piazzato due aperture davanti alle due ruote posteriori creando grande scompiglio nel paddock. La Ferrari, una delle prime scuderie a protestare, ha una soluzione simile ma con fessure molto più sottili. L’allarme della protesta ufficiale è rientrato dopo il GP di Monaco che, come abbiamo già detto, è stato totalmente archiviato con la conferma dell’ordine di arrivo originale. Per il Gran Premio del Canada sono attese novità. Adrian Newey analizzerà la situazione. Altrettanto farà la FIA sotto l’impulso delle altre scuderie di Formula 1. Cosa accadrà tra dieci giorni?

    FIA: risolvere il caso Red Bull in pochi giorni

    La FIA vuole risolvere la controversia sul buco nel fondo della Red Bull nei prossimi giorni. Ferrari, Mercedes e McLaren hanno manifestato alcuni dubbi sulla legalità della soluzione tecnica di Adrian Newey che ha inserito delle aperture davanti alle ruote posteriori della RB8. Come abbiamo già raccontato, la speranza è che per il GP del Canada tutto sia risolto. Nel frattempo, la FIA dirà la sua:“Ci sono diverse opinioni sull’interpretazione della regola e noi abbiamo intenzione di chiarire la nostra posizione nei prossimi giorni”, ha dichiarato un portavoce della Federazione. Secondo alcuni esperti, il vantaggio dato da questa soluzione è minimo. Tuttavia, come si sente dire spesso, nelle monoposto di F1 nulla avviene per caso. Cosa farà Newey? Se fosse un tecnico normale, si presenterebbe in Canada con delle fessure meno estreme. Con buona pace della FIA e dei team. Se fosse. Ma non sempre lo è…

    Red Bull: niente fretta per il rinnovo di Webber

    La costanza di Mark Webber, abbinata all’exploit monegasco che fa il pari con l’assenza dalla zona punti nel precedente GP di Spagna, ha proiettato l’australiano a sole tre lunghezze dal leader della classifica Fernando Alonso ed a pari bottino del proprio compagno di squadra Sebastian Vettel. Per certi versi sembra di essere tornati al 2010. Se dovessimo usare una parola per definire l’avvio di stagione di Webber, diremmo “solido”. Come seconda guida si dimostra perfetto. Come prima guida, si sta attrezzando. La Red Bull, però, alimentando indirettamente i rumors che vedono il proprio pilota in orbita Ferrari, non ha fretta di annunciare un eventuale rinnovo del contratto:“La vittoria di Monaco non cambia la situazione. E’ la stessa degli anni scorsi. Ci dobbiamo focalizzare sul presente ed il futuro si concretizzerà da sé - ha dichiarato Chris Hornerperché Mark dovrebbe andarsene? Si trova bene con il team ed il team con lui. Siamo solo alla sesta gara. Molto dipenderà dalle sue motivazioni che al momento sembrano chiare. Sta facendo un gran lavoro e noi siamo contenti delle sue prestazioni”.