Red Bull, Marko: “Alonso non sa perdere!”

da , il

    red bull marko contro alonso

    “Sembra che abbia dei problemi quando non è lui a vincere”, così parla Helmut Marko di Fernando Alonso nel corso di un evento celebrativo tenutosi a Graz in Austria. Il superconsulente della Red Bull sostiene che lo spagnolo non sappia perdere. Bene: ora sappiamo che lui… non sa vincere. “Quando non vince, sviluppa capacità politiche incredibili”, ha aggiunto commentando ancora l’atteggiamento del pilota della Ferrari dopo il Gran Premio del Brasile. L’asso di Oviedo non ci sta a perdere. Lo sappiamo. E’ una dota che risiede nel DNA di ogni campione. Ma si può negare che abbia accettato la sconfitta da grande uomo. Ha fatto sin da subito i complimenti a Sebastian Vettel ed ha parlato di presunte irregolarità solo dopo aver ricevuto la pressione addosso di milioni e milioni di fans sparsi per il mondo.

    Red Bull: ancora Vettel vs. Alonso nel 2013

    Helmut Marko ha pochi dubbi. I regolamenti del 2013 saranno molto simili a quelli del 2012 per cui la Red Bull ha tutte le carte in regola per restare la monoposto da battere. Semmai, mancherà qualche attore tra gli avversari:“La perdita di Hamilton penalizzerà la McLaren e la Mercedes, nonostante quello che dice Lauda, non darà a Lewis la possibilità di lottare per il titolo. Vedo un altra stagione di battaglia tra noi e Alonso“.

    Vettel: “Vorrei il ritorno del GP d’Austria”

    Per festeggiare l’ennesima stagione trionfale, la Red Bull ha organizzato un evento all’interno dei propri confini nazionali. Nel centro di Graz è andato in scena uno show-run che ha visto Sebastian Vettel come grande protagonista. Nonostante il freddo, praticamente tutta la città si è fermata. La cerimonia si è conclusa nel vicino circuito di Zeltweg sul quale il tre volte iridato ha effettuato alcuni giri di pista con la RB8. Grazie al successo dell’azienda del beverone energetico, crescono le speranze di rivedere il GP d’Austria nel calendario della Formula 1 soprattutto da quando Dietrich Mateschitz ha acquistato anche l’A-1 Ring ribattezzandolo, senza troppa fantasia, Red Bull Ring. “E’ una pista completamente adatta alla Formula 1. Non so perché non ci sia più. Per noi sarebbe fantastico avere un GP in casa”, ha dichiarato nell’occasione Vettel.

    Red Bull prova a piazzare Buemi

    Tra i tanti giovani di belle speranze che non hanno sfondato in Toro Rosso e non hanno spiccato il volo nel firmamento della F1, c’è solo un pilota che è riuscito a restare ancora sotto contatto con la Red Bull. Trattasi dello svizzero Sebastien Buemi. Per lui ora appaiono nuove prospettive. Trascorso un anno come terza guida a Milton Keynes, potrebbe saltare su una Force India o addirittura su una Lotus. “Sto ancora aspettando risposte (da questi due team, ndr). Fortunatamente la maggior parte dei team non mi ha dimenticato”, ha affermato.