Regole F1 2010: punti o medaglie?

La FIA ha deciso che discuterà la regola per l'assegnazione dei punti mondiali nella Formula 1 2010 sia con con Bernie Ecclestone che con i team della FOTA

da , il

    Regole F1 2010: punti o medaglie?

    Il sistema di assegnazione dei punti in Formula 1 per il 2010 non è ancora stato messo nero su bianco e la FIA si è convinta a discuterne con i team. Ci sono ancora margini, quindi, per sperare che il titolo non vada a chi vince più gare nonostante Bernie Ecclestone torni alla carica con il sistema delle medaglie.

    FIA. La Federazione, dopo aver reso noto in extremis il ripensamento sulla modifica al sistema per l’assegnazione del titolo piloti, ha preso atto della volontà (e forza) dei team di entrare nel sistema decisionale su uno degli aspetti più importanti dello sport, vale a dire la regola che determina “come” decretare il vincitore. Tramite un portavoce, la FIA così deciso di ascoltare attentamente le opinioni della FOTA prima di produrre nuove modifiche.

    DUE POSSIBILITA’. I fronti sono chiari. Da una parte le squadre, forti delle loro unione nella FOTA, chiedono di mantenere il sistema “a punti” ma di allargare la forbice tra il primo, il secondo e gli altri piloti classificati (la proposta già bocciata prevedeva, lo ricordiamo, un 12-9-7-5-4-3-2-1 a differenza dell’attuale 10-8-6-5-4-3-2-1). Dall’altra sponda c’è Ecclestone che vuole vedere il duello all’ultimo sangue per la vittoria e spinge affinché sia solo quello il parametro per decretare il vincitore. Il nonnetto che controlla i diritti commerciali del Circus, nonostante il parere contrario di tutti gli attori sul suo palcoscenico, è convintissimo che la sua vittoria sia stata solo rimandata.

    ECCLESTONE. “Ai team non piaceva la proposta - ha commentato duramente Ecclestone criticando i team di F1 – volevano qualche altro stupido sistema che non avrebbe portato a quello a cui noi vogliamo arrivare. Nel 2010, comunque, avremo le medaglie!”. Il “noi” di Ecclestone credo che vada inteso come plurale maiestatis. Non cambia, però, la sostanza. E cioè che il boss della FOM è entrato nell’ottica di idee che lo spettacolo passa sostanzialmente dall’obbligare i piloti a dare tutto per la vittoria. Evidentemente ignorando che non tutte le gare si decidono all’ultima curva e che, comunque, se il suo ragionamento sul fatto che è quello l’unico modo per dare interesse alle corse filasse, per due che restano a lottare ce ne sono altri 18 che tirano i remi in barca dopo 10 giri…

    NUOVI TEAM. Mentre i team si ingegnano su quali nuovo sistema di punti proporre alla Federazione (pare che ora stiano discutendo se premiare anche coloro i quali arrivano oltre l’ottavo posto, in modo tale che non vi siano scuderie che concludono il campionato a 0 punti), Ecclestone prosegue nella sua politica di espansione ed anticipa che, grazie alle nuove regole, probabilmente troveremo ben 26 macchine al via della stagione 2010. Almeno questa, una buona notizia. Speriamo solo che queste 3 fantomatiche squadre non facciano la fine della Prodrive.

    Foto: sport.sky.it