Regole F1, budget limitato: ecco le cifre

la fia vuole introdurre un limite massimo di spesa per i team di formual 1 via via decrescente: 75 milioni di euro per il 2009, 140 per il 2010 e 110 per il 2011

da , il

    Regole F1, budget limitato: ecco le cifre

    Va avanti il progetto della FIA di mettere un tetto massimo di spesa per i team di Formula 1. Nei giorni scorsi è arrivata la prima proposta e si sono viste le cifre che dal 2009 in poi potrebbero essere a disposizione delle squadre. Tra scettici e ottimisti, il dibattito è cominciato.

    L’idea della Federazione sarebbe quella di riddurre drasticamente il budget dei team già a partire dalla prossima stagione e con un andamento di questo tipo: 175 milioni di euro per il 2009, 140 per il 2010 e 110 per il 2011.

    Tra i più entusiasti della proposta c’è Flavio Briatore, uno dei paladini dello spendere poco e bene (ovviamente solo quando si ha a che fare con la F1). Il manager piemontese ha fatto notare con orgoglio che la Renault già spende il 40% meno del tetto previsto per il 2009 ed ha aggiunto:“La Formula 1 è inserita all’interno di un contesto economico più grande e il budget cap è un qualcosa da valutare concretamente anche perché, l’andamendo mondiale dell’economia influirà anche su di noi”.

    Molto meno convinto di Briatore si è mostrato Ron Dennis il quale prima ha avanzato dei dubbi sulla possibilità effettiva di controllare le spese sostenute da ciascun team e poi ha ammesso che il buon senso potrebbe essere una valida alternativa:“Ritengo sia impossibile controllare le spese di aziende e case costruttrici che sono spesso dislocate in vari Paesi anche di culture molto diverse come la Cine o il Giappone. Sono però pronto a valutare ogni ipotesi”.

    A metà del guado, infine, Nick Fry della Honda:“Quello che è successo alla Super Aguri dimostra che c’è bisogno di prestare massima attenzione ai bilanci. D’altra parte se un team che ha risorse non le sfrutta a pieno, ne risentiranno ricerca e sviluppo”.