Renault: ma Fisichella è davvero da titolo?

da , il

    Giancarlo Fisichella Renault

    Sale la tensione in Renault. Per difendere il titolo mondiale si sono affidati a Giancarlo Fisichella.

    Non tutti però sono sicuri che il romano sia la scelta migliore.

    Per questo, da fonti interne al team, questo 2007 viene descritto come l’ultima spiaggia per Fisico. O vittoria o ritiro!

    Il confronto con Fernando Alonso negli ultimi due anni è stato disastroso.

    Alla Renault, orfani del campione spagnolo, con una McLaren Mercedes in rinascita ed una Ferrari in gran forma, lo sanno.

    Perciò non nascondono la tensione e senza giri di parole, gente come Bob Bell – resonsabile tecnico – manda a dire a Fisichella “O adesso o mai più”.

    Come se non bastasse, c’è quella pulce di Nelson Piquet Jr. che – forte di avere Flavio Briatore come manager – ha già iniziato a scavare la fossa per il nostro Giancarlo.

    Ora. La domanda viene spontanea: sono sicuri alla Renault che sia questo il miglior modo per preparare un pilota ad una stagione durissima?

    Quanto alle capacità di Fisichella di lottare per il vertice, è normale nutrire delle perplessità, Ma forse sarebbe più giusto lasciarle esprimere a giornalisti e tifosi piuttosto che ai componenti della sua squadra!

    Dal canto suo Fisico, di fronte a questa situazione prova a fare buon viso a cattivo gioco e butta acqua sul fuoco.

    Minimizza le parole di Bob Bell e cerca di pensare alla nuova R27. Sa perfettamente che la prima mossa spetta a quelli della Renault che devono dargli una macchina vincente.

    Non è detto, inoltre, che trovandosi per la prima volta con i gradi di prima guida già assegnati, possa scattare qualcosa anche a livello psicologico che gli dia quello spunto che è sicuramente mancato nelle stagioni vincenti di Alonso.

    In caso contrario, però, l’impressione è che abbiano ragione gli altri: senza portare a casa qualcosa di grosso a fine stagione, l’avventura di Fisichella in Renault non avrebbe motivo per continuare. E senza i francesci, a 35 anni, addio sogni di gloria…

    via | lastampa.it