Ritiro Kawasaki significa Addio Marco Melandri?

Marco Melandri in balia della pessima condizione economica mondiale, potrebbe rimanere appiedato dato il prossimo annuncio del ritiro Kawasaki, che verrà dato il 5 gennaio 2009

da , il

    Il caso peggiore, ovviamente.

    Ma l’ eventualità è da tenersi in considerazione, anche solo per gioire nel caso in cui non si realizzi.

    Di fatto, la Kawasaki annuncerà ufficialmente il suo ritiro lunedì prossimo, 5 gennaio.

    Questo significa che Marco Melandri sarà ufficialmente a piedi.

    Marco Melandri, ma non solo. Anche il suo compagno di squadra, l’ americano John Hopkins, si troverà a dover cercare un nuovo team per disputare la stagione MotoGP 2009.

    Confermata ormai la defezione delle due verdone della MotoGP, occorre trovare adesso una collocazione razionale e utile per Marco Macio Melandri, messo in una sorta di prematura cassa integrazione che non fa bene a nessuno, ma fa ancora peggio al pilota ravennate.

    A ben guardare, nonostante l’ ultimo anno non sia stato affatto brillante per l’ italiano, sembra veramente uno spreco lasciare fermo per un announ pilota del genere che, quando è nella giusta condizione, riesce a tenere testa ai migliori piloti della classe regina.

    Questione di testa, di moto, di condizioni appunto, e probabilmente di molto altro.

    Il fatto è che proprio noj riusciamo add immaginarci un Marco Melandri relegato in panchina. E quindi, anche se Kawasaki pagherà ugualmente il suo compenso per quest’anno in cui rimarrà a piedi, è giusto augurare al macio nazionale sorte ben più gloriosa di una misera annata motociclistica lontana dai riflettori di una MotoGP spompata, forse, ma ancora viva.

    Intanto, arrivano le prime velate mezze-proposte: dal Team Aspar, che sta parlando con Kawasaki proprio in questi giorni, ma anche un ritorno di fiamma con una Honda clienti. I più ottimisti, infatti, danno per accrediatato anche un possibile ritorno da “papà-Gresini” a cui, non dimentichiamo, Marco aveva detto “no” prooprio quest’estate.

    Marco. intanto, dopo il brutto incubo diventato realtà del ritiro Kawasaki, sta raccogliendo i cocci di una carriera che potrebbe essere miseramente spezzata troppo prematuramente: un vero peccato.

    Occorre mettersi subito all’ opera, alla ricerca di un nuovo team con cui correre.

    Già, perchè l’ onorario Kawasaki durerà un anno.

    La gioia di una eventuale vittora nella MotoGP 2009 dura per sempre…