F1, rivoluzione elettronica dal 2008

da , il

    Centralina elettronica

    Molto cambierà in Formula 1 nel 2008. Una delle novità più importanti è legata all’introduzione di centraline elettroniche standard, uguali per tutti i team. In questo modo saranno ridotte le spese delle scuderie e la Federazione potrà controllare al meglio tutti i dati delle vetture.

    Data l’importanza del provvedimento, la FIA è già alla ricerca del fornitore più adatto.

    I costruttori vedono questa norma come una limitazione eccessiva. Ma il presidente Max Mosley è talmente convinto della sua scelta che ha già stabilito in data 31 marzo la scadenza delle offerte per la fornitura delle centraline.

    Con la standardizzazione dell’elettronica verrà perseguito lo scopo di abbassare i costi, riducendo drasticamente gli investimenti in quel tipo di tecnologia.

    Inoltre, la Federazione, avendo un controllo esatto sul chilometraggio effettuato da ogni macchina, potrà introdurre precise norme sulla limitazione dei test (altra voce pesante nella lievitazione delle spese della F1).

    Infine, avendo la certezza che non possano essere introdotti clandestinamente aiuti alla guida, sarà privilegiato anche il ruolo del pilota con un incremento della spettacolarità nelle gare.

    Insomma, questa nuova norma è un passo fondamentale per avere – finalmente – uno dei tanto attesi e auspicati ritorni all’antico.

    Un ritorno che apparentemente potrà sembrare anacronistico dato che la F1 è progresso allo stato puro. Ma che, invece, per gli appassionati vuol dire avvicinarsi un po’ di più alla vera essenza delle corse. Vuol dire ritornare ad un punto nel quale non si capisce quando finiscono i meriti del mezzo e cominciano quelli del pilota.

    Speriamo. Ancora manca molto.