Robert Kubica, la BMW Sauber F1.08 è più veloce… ma anche più difficile

Robert Kubica, la BMW Sauber F1

da , il

    Robert Kubica, la BMW Sauber F1.08 è più veloce... ma anche più difficile

    Robert Kubica mette un po’ di luce attorno al progetto BMW Sauber F1.08. Durante l’inverno abbiamo sentito di tutto. A tratti sembrava addirittura peggio della F1.07 mentre in altri momenti sembrava persino in grado di raggiungere Ferrari e McLaren.

    Il pilota polacco spiega le sue impressioni sulla macchina e cerca di fare un po’ di chiarezza sul reale stato di forma del team BMW Sauber. Il problema, secondo Kubica, starebbe nella difficoltà di messa a punto della vettura. Stando così le cose, la monoposto risulta veloce sulla carta, ma difficile da gestire nel concreto, cioè quando ci sono da fare delle regolazioni particolari o da trovare delle soluzioni a problematiche specifiche.

    “Ci sono almeno un paio di cose nella nuova macchina che sono migliorate nettamente rispetto al passato e questo la rende sicuramente più veloce, ma rimangono altri problemi difficili da eliminare al momento”, ha spiegato Kubica.

    “Metà dei problemi sono noti - ha proseguito il pilota della Casa bavarese – ma resta ancora molto da risolvere e non possiamo farlo in breve tempo. La vettura della scorsa stagione era più facile da regolare, adesso invece avremmo ancora bisogno di molto tempo per capire a fondo come sfruttarla. Visto che ormai siamo all’inizio del campionato, però, dobbiamo trovare dei compromessi per cercare di partire al meglio”.

    Detto questo, non sembra realistico trovare una BMW d’assalto sin dai primi Gran Premi. Nel migliore dei casi, la bontà del progetto verrà fuori alla distanza. Nel peggiore, la BMW soffrirà del classico anno in calo a seguito di quello dell’exploit come è capitato praticamente a tutte le giovani scuderie. Quando si è in fase di apprendistato è normale compiere errori di questo tipo. Se pronostico deve essere, quindi, possiamo facilmente immaginare una BMW dall’andamento altalenante, capace di trovarsi benissimo in certi circuiti come malissimo in altri… con tanti grattacapi da parte di tecnici e piloti.