Robert Kubica: molto meglio alla Renault

Se il titolo iridato non è ancora stato assegnato, la Renault per ora sembra essersi aggiudicata quello di miglior team per cui correre

da , il

    Kubica gara GP Malesia

    Dopo le prime 3 gare del Mondiale 2010 di F1, nonostante la Red Bull si sia già aggiudicata il titolo di rivale numero uno, i giochi non sono di certo ancora fatti e, nei prossimi 16 appuntamenti della stagione, potrà accadere di tutto. C’è però un team che, se dal punto di vista di affidabilità è ancora un po’ latente, ha già conquistato la palma dell’ottimismo. La Renault infatti, sebbene finora abbia potuto contare solamente su uno dei 2 piloti ufficiali, ha recentemente dichiarato come il suo prossimo obiettivo sia quello di acciuffare la Mercedes GP, attualmente in quarta posizione davanti al team francese nella classifica costruttori.

    RENAULT F1. Giorni fa ci si è messo pure Vitaly Petrov, l’esordiente russo che, nonostante non sia ancora riuscito a tagliare il traguardo, ha comunque già mostrato di possedere la grinta necessaria per tenere testa ai big del Circus, e confida in una rapida ripresa a partire dalla Cina. Ora a parlare è Robert Kubica, approdato alla Renault dopo 4 anni passati a correre per la BMW Sauber, con la quale esordì in F1 nel 2006. Il pilota polacco, che dall’inizio del mondiale è già salito una volta sul podio conquistando un secondo posto a Melbourne, e la quarta posizione nell’ultimo appuntamento di Sepang, ha fatto sapere come si stia godendo maggiormente la sua esperienza con il team di Enstone, molto più dei suoi anni passati con il team svizzero. Secondo Kubica sarebbe proprio l’atmosfera positiva che si respira all’interno della sua squadra, uno dei fattori di successo della Renault in questa stagione 2010. “Non è un segreto che nella mia passata esperienza in F1 non mi sia trovato così a mio agio come avrei voluto” ha commentato Kubica ad Autosport, riferendosi chiaramente ai problemi avuti in passato con BMW. “Penso che l’ambiente che ti circonda e il fatto che le persone con cui lavori abbiano fiducia in te, sia un fattore chiave in qualsiasi attività. Oggi sento finalmente che tutto il team crede in me, mi aiuta, e questo mi permette di non sentire il peso di un carico di lavoro decisamente maggiore rispetto alle stagioni passate. Mi sto divertendo di più, anche se la monoposto ancora non è ai livelli che avremmo desiderato”.

    F1 2010. Kubica è consapevole del fatto che la Renault sia stata in qualche modo graziata in questo inizio di stagione, dal momento che i risultati ottenuti finora sono stati raggiunti anche grazie ai problemi riscontrati dai rivali, ma ritiene comunque che parte del merito vada riconosciuta anche ai piloti. “In questa stagione, rispetto a quelle passate, i piloti giocano un ruolo fondamentale nella gestione della gara. Una volta si trattava praticamente di correre tre stint al passo delle qualifiche” ha dichiarato il pilota della Renault. “La mia performance in questi primi appuntamenti è stata debole. Secondo me, non vale la pena fare 2 pit stop, e bisogna accettare il fatto che uno stint lungo con gomme dure sia assolutamente necessario. Sono io che mi devo adattare, cercando di non esaurire i pneumatici. Questo aspetto sarà fondamentale nel corso del mondiale. Finora ci è andata bene, ma non possiamo contare sempre sui problemi degli altri. Andando avanti spero di riuscire a farmi spazio nelle qualifiche e di mantenere la stessa posizione anche in gara”.