Ron Dennis fa il martire? Questo è il colmo…

Ron Denni continua a non ammettere di essere colpevole

da , il

    Ron Dennis martire: questo è il colmo

    Sono sempre più convinto che Ron Dennis sia un personaggio totalmente da capire. Il patron McLaren continua a proclamarsi innocente ed ha persino il coraggio di dire che non continuerà l’azione di difesa non nel suo bene ma per il bene della Formula 1

    Vediamo un po’. Quest’ultima affermazione sembra la più degna di nota. “Se non ci appelleremo, sara’ perche’ vogliamo che la questione sia chiusa – ha dicharato il boss della McLaren – Spero che gli altri team comprenderanno che accetteremo la multa nell’interesse dello sport. Non voglio continuare la polemica se posso ottenere una chiusura, una chiusura nell’interesse della F1, che deve essere completa”.

    Insomma: ci risiamo. Non solo fa la parte della vittima, ma si dipinge addirittura come martire. Oltretutto, ripropone il suo cavallo di battaglia del “stendiamo un velo”.

    Anche prima della stangata aveva provato a convincere la Ferrari a “fare finta di niente”. Non ha capito Dennis che se davvero vuole che venga steso un velo pietoso sulla vicenda deve essere lui a fare il primo passo. Il mondo della Formula 1 metterà una pietra sopra alla vicenda solo se lui avrà il coraggio di dire:”Ok, sono colpevole e sono anche un gran bugiardo perché ho continuato a negare fino all’ultimo anche dopo che le evidenza hanno dimostrato cosa NOI della McLaren abbiamo combinato. Chiedo scusa a tutti i tifosi e agli appassionati di questo sport…”

    Al momento un discorso di questo tipo sembra lontano anni luce. E stona. Un comportamento del genere, infatti, ce lo si potrebbe attendere da un furbastro alla Briatore. Ma da uno sportivo fino all’eccesso come Dennis, proprio no.

    Per questo continuo a sostenere la mia tesi che Mr. Ron sia totalmente nel pallone. Lui che a fare scorrettezze proprio non c’è abituato e che dentro a questa storia c’è finito suo malgrado.

    Sarebbe ora che se ne rendesse conto. Altrimenti rischia davvero di diventare un caso umano…

    Oltre alle impressioni, infatti, ci vanno messi i dati di fatto. Se andasse in appello, con le prove schiaccianti che ci sono sulla sua squadra, rischierebbe solo di vedersi togliere (giustamente) anche i punti del campionato piloti.

    Dennis è l’ultima persona che si può permettere di dire “ditemi grazie se non vado oltre”. Casomai dovrebbe essere la Ferrari a farlo. E, da come hanno accettato senza polemica la ministangata, sembra che si stiano accontendando davvero.