Ross Brawn: Alonso tentato dalla Honda

fernando alonso ed il suo futuro sono ancora in bilico per questo molti team vengono accostati al suo nome

da , il

    Ross Brawn torna alla carica su Fernando Alonso. Il direttore tecnico della Honda sa perfettamente che la crescita della sua Honda non può prescindere dall’avere in squadra un campione con la C maiuscola, uno capace di rappresentare per la casa nipponica ciò che Schumacher è stato per la Ferrari.

    LASCIAMI ANDARE. La partita a scacchi di Ross Brawn è giocata su due mosse. La prima lo vede intento nel rompere il patto tra lo spagnolo e la Renault per liberare il due volte campione del mondo da ogni vincolo contrattuale e da ogni ulteriore lusinga su presunti ritorni alla competitività della vettura francese. “Lo sanno tutti che Alonso cerca una macchina competitiva e che ha solo questo come reale obiettivo. Lui sa dove vuole andare” sentenzia il tecnico inglese intervistato da Motorsport Aktuell facendo un chiaro riferimento alla Ferrari.

    VIENI DA ME. Dopo aver provato a destabilizzare l’ambiente interno alla Renault, la seconda mossa prevede il superamento della Ferrari nelle preferenze dell’asturiano per ovvie ragioni di posti già occupati. “Alonso potrebbe essere tentato da noi per la prossima stagione e noi vorremmo sicuramente un pilota come lui. Chi non lo vorrebbe? Abbiamo dei piani molto seri, grandi risorse e grandi strutture. Non vedo ostacoli alla nostra crescita adesso che possiamo pianificare le cose come io desidero per cui qui potrebbe trovare quello che cerca…”. “Potremmo essere la sua sistemazione, ovviamente - conclude Brawn – se non dovesse andare in Ferrari!”.

    PER SEMPRE FERRARI. Chissà come mai il nome Ferrari sbuca sempre da qualche parte. Evidentemente perché Brawn alla Ferrari c’è stato e conosce meglio di chiunque di noi i piani di Maranello. Evidentemente, quindi, perché Alonso è davvero un bersaglio che suscita interesse a Domenicali & co. Soprattutto perché lo spagnolo vorrebbe starci. Con i contratti blindati di Massa e Raikkonen, però, sembra veramente impossibile che si muova qualcosa. Sul serio. E allora che Brawn continui pure a crederci…