Ross Brawn: gioco di squadra o ordini di scuderia?

Ross Brawn scorretto ed antisportivo o grande stratega? Il modo nel quale il direttore della Brawn GP gestisce da sempre i piloti che corrono nella sua squadra lascia più che qualche perplessità nei tifosi

da , il

    E’ un ragazzo tenace Mark Webber: veloce, aggressivo, spavaldo e da ieri anche vincente. Dopo tanti anni di Formula 1 ha centrato il primo posto sabato e ha bissato la prima posizione domenica, proprio davanti al suo compagno di squadra, il pretedente al titolo Sebastian Vettel, più giovane, veloce, biondo e tedesco di lui.

    In casa Red Bull funziona così: il più veloce arriva davanti. Senza badare alla classifica ma puntando alla competizione pura; in questo modo i due piloti sono sereni e motivati a star davanti al collega di box che è come si diceva una volta il primo avversario da battere.

    Mark Webber ha così la possibilità di dimostrare maturità e costanza, Seb Vettel può crescere respirando spirito sportivo e dare spazio ai suoi sprazzi di grandissimo talento: chi la spunterà non lo sappiamo a metà stagione e mi pare logico.

    Nel team diretto concorrente per la vittoria finale le cose non funzionano così. In Brawn GP si sa già che Jenson Button arriverà davanti a Barrichello alla fine di questo campionato, anzi si sa già che arriverà davanti ad ogni singolo gran premio. E a pensarci bene lo si sapeva già da Melbourne.

    Qualche conferma? Il cambio sostituito per precauzione a Rubens che lo ha arretrato in griglia, il teatrino del gran premio di Spagna, le gomme dure montate in Q3 al posto delle morbide, il carico di carburante sempre a favore di Button nelle primissime qualifiche -in modo da far prevalere Jenson di pochi centesimi, sempre-, la frizione ballerina della Turchia, la ciliegina sulla torta del Nurburgring: sosta ai box con problema al bocchettone (qualcuno si stupirebbe di sapere che è stata una messinscena?), rientro anticipato di Barrichello rispetto a Button sovvertendo l’ordine naturale che per due soste si era mantenuto, il sorpasso ai box.

    Che differenza tra BrawnGP e Red Bull!

    E’ andata bene a Webber, se avesse corso per il team bianco all’uscita dell’ultima curva sarebbe stato puntato da un franco tiratore del suo team e poi centrato per dare due punticini immeritati in più al compagno: il mirino di Brawn non perdona e a gennaio decide chi puntare.

    C’è una grande differenza tra gli ordini di scuderia e il gioco di squadra: i primi sono sleali, i secondi sportivi e bellissimi e hanno scritto grandi pagine di sport.

    Quando un pilota è privato in ogni modo della propria posizione a vantaggio di altri è sempre una brutta cosa: questi gli ordini di scuderia che Brawn applica anche per un punticino (Spagna 09, Nurburgring 09, Zeltweg 02…).

    Diverso il gioco di squadra: è legittimo e giusto che, per fare un esempio, Barrichello protegga Button da Alonso nell’ultima frazione di gara nel GP di Germania di ieri; sono sicuro che se Barrichello si fosse trovato lì per suoi meriti e non per piani perversi di squadra avrebbe fatto il suo senza battere ciglio perchè nello sport c’è anche lo spirito di squadra (si pensi al ciclismo: un corridore di punta ha una giornata nera ed esce di classifica e poi si mette volentieri ad aiutare il nuovo capitano; altra cosa sarebbe obbligarlo a rinunciare a vincere quando invece potrebbe farlo). E’ brutto che il mirino di Ross abbia quasi fatto passare per corretto questo modo di concepire lo sport: non è economia e nemmeno finanza; deve vincere il migliore, il più veloce e poche storie. Invece si finisce per biasimare chi non spiana il fucile sul pilota più indietro in classifica a favore del prescelto a tavolino. Complimenti.