Rossi a Le Mans: “Ora o mai più”

Rossi lancia il guanto a le mans

da , il

    Valentino Rossi arriva a Le Mans carico di vittorie e sete di rivincita.

    La stagione 2006 non si sta rivelando un affare per la Yamaha, le difficoltà sono tante e i bei tempi dell’anno scorso sembrano molto lontani.

    La pista di Le mans conserva bei ricordi per il team Yamaha, Rossi nella passata stagione ha conquistato pole, best lap e primo gradino del podio, con Colin Edwards secondo.

    Ecco cosa dicono i protagonisti Yamaha prima di scendere in pista e giocare il tutto per tutto per una vittoria che ridarebbe morale e forse qualche speranza in più per risalire nella classifica mondiale.

    Valentino Rossi

    Domenica scorsa è stata la seconda volta in quattro gare che abbiamo raccolto virtualmente zero punti, ed in entrambi i casi non è stata colpa nostra, la fortuna decisamente non è stata dalla nostra parte, ma ciò che conta adesso è risolvere al più presto i nostri problemi perché ci apprestiamo ad affrontare una serie di gare importanti, a cominciare da Le Mans. Le prossime quattro, cinque gare in Europa sono “il piatto forte” della stagione, in un momento critico per noi. A Le Mans avremo qualcosa di nuovo da provare sperando ci possa aiutare a trovare un buon set up di base, ma abbiamo ugualmente un certo margine di miglioramento da fare per mantenere il passo dei nostri rivali nel fine settimana. Lottiamo contro piloti forti e moto competitive e dobbiamo essere al nostro massimo livello per batterli. In classifica sono un po’ indietro ma il campionato è molto lungo ed io ho molta fiducia nella mia squadra; siamo in tempo per sistemare le cose”. “Le Mans non è una delle mie piste preferite ma l’anno scorso per noi è andata molto bene. Ho fatto la pole, il record nell’ultimo giro della gara e ho vinto, con Colin anche lui sul podio. E’ stato davvero un fine settimana perfetto e spero che il prossimo sia uguale”.

    Colin Edwards

    Sembra che la quarta gara dell’anno mi sia favorevole, e ovviamente mi ha fatto piacere che si sia rivelata tale anche in Cina, il podio dell’anno scorso a Le Mans aveva aperto una serie di risultati per me positivi ed io spero che la stessa cosa si ripeta quest’anno. Non è un segreto che dobbiamo risolvere dei problemi sulla moto e stiamo lavorando duramente ma se siamo stati capaci sia di vincere sia si salire sul podio pur avendo delle difficoltà, pensate cosa possiamo fare quando tutto fila liscio!” “Le Mans non mi spiace come pista, è un classico tracciato “stop and go”, come dicono tutti, con violente frenate, curve strette e brusche accelerazioni. Avremo da lavorare con il set up ma questa pista si è rivelata positiva per noi la scorsa stagione quindi speriamo di che sia un po’ più facile adesso e non così critica per quanto riguarda i problemi che abbiamo sofferto recentemente”.

    Davide Brivio

    Dopo una partenza così difficile, che comunque ci ha dato una vittoria con Valentino oltre al recente podio di Colin, spero che le prossime settimane in Europa per noi equivalgano ad un nuovo inizio, le prossime gare saranno cruciali e tutto ciò che possiamo fare è continuare a lavorare a testa bassa per risolvere i problemi emersi quest’anno. C’è chiaramente ampio margine di miglioramento ma sappiamo, dalle prestazioni già ottenute questa stagione da Valentino e Colin, che la moto ha un grande potenziale e siamo ansiosi di vederla finalmente al massimo delle sue prestazioni. Speriamo che questo avvenga a Le Mans”. “Gli ingegneri Yamaha continuano a lavorare incessantemente per far sì che sia così, e Valentino avrà a disposizione un nuovo telaio sin dalle prove libere del venerdì mattina. Lo compareremo con l’attuale e poi decideremo se usarlo o meno. Rimarremo a provare anche lunedì per continuare lo sviluppo. L’anno scorso a Le Mans abbiamo avuto un buon fine settimana, finito con entrambi i nostri piloti sul podio e sarebbe bello ripetersi! Se potremo scrollarci di dosso la sfortuna che ci ha accompagnato recentemente avremo ogni ragione per essere fiduciosi”.

    Jeremy Burgess

    L’anno scorso la moto era ad un livello di sviluppo ottimale quindi abbiamo fatto solo i piccoli aggiustamenti che questa pista richiede e sia Valentino sia Colin erano molto veloci. Chiaramente, con così tanti punti di forte frenata, c’è bisogno di un assetto più rigido della forcella, e della taratura della molla, per quanto riguarda l’anteriore oltre ad una regolazione leggermente più morbida dell’ammortizzatore, cosicché il pilota possa mantenere la sua linea in uscita. Questo è tutto, davvero, non ci sono segreti a Le Mans!