Rossi-Capirossi : Che duello!

da , il

    Il verdetto : Rossi - Capirossi - Pedrosa

    Dopo l’estenuante gara che tutti abbiamo visto e rivisto sul circuito di Sepang, sarebbe stato difficile dare il nome di un vincitore, ma, una competizione serve anche a selezionare prima, seconda,terza posizione e il verdetto è stato : Rossi, Capirossi, Pedrosa.

    Staccate al limite, sorpassi, incroci di traiettorie sono state il condimento ideale per una domenica da urlo, una di quelle gare che ti lasciano il fiato sospeso fino alla fine e, se davanti ci sono due italiani, ci sentiamo ancora più tirati in ballo. L’ha spuntata Rossi, riconoscendo a Capirossi il merito di averci provato fino alla fine, ma la tenacia e la voglia di rivincita sulla Honda hanno dato quella carica in più al “Dottore”, tale da permettergli di passare per primo il traguardo.

    Valentino Rossi ha commentato a fine gara : “La lotta fra Rossi Capirossi è il più bello spettacolo che c’è, siamo entrambi piloti della vecchia guardia, capaci entrambi di batterci al limite senza scorrettezze. A Brno ha vinto lui, qui ho vinto io, direi che va bene così…Ho giocato bene le mie carte, avevo bisogno di questi 25 punti e li ho presi. Metto questa vittoria al livello di quella del Mugello. Loris ha provato ad andare via, come aveva fatto nella Repubblica Ceca, ma ha capito subito che non ci sarebbe riuscito. Dal canto mio posso solo dire che mi sono divertito come un matto. Durante il Gran Premio ero troppo affaticato per ridere, ma in alcuni momenti, come quando ci siamo trovati l’uno di fianco all’altro a 210 Km/h in un curvane, mi sono dovuto tenere per rimanere concentrato. Con Capirossi ho un ottimo rapporto. Abbiamo avuto qualche problema nel 1999, in 250, ma più che altro sentivamo la rivalità delle rispettive squadre visto che correvamo entrambi con l’Aprilia”.

    Loris Capirossi ha replicato : “L’intero weekend è andato benissimo quando è scattato il via, ho sorpassato alcuni piloti e cercato di scappare come avevo fatto a Brno, ma ho realizzato che non ci sarei riuscito. Quando Valentino mi ha sorpassato per la prima volta, seguito immediatamente da Dani, è stato perché avevo aperto il gas troppo presto, perdendo un po’ di grip. Ma non ero preoccupato perché sapevo di avere un buon ritmo. La battaglia con Valentino è stata bellissima, ci siamo sorpassati tante volte e sempre in modo corretto. Nessuno sarebbe stato in grado di prevedere il vincitore prima dell’ultima curva e credo che una lotta come quella di oggi faccia davvero bene al nostro sport. Il mio problema non era all’ultima curva ma in quella prima dove, in uscita, avevo un po’ troppo spin. Ora sono pronto per le ultime quattro gare, so di avere una buona moto, gomme performanti e so di essere abbastanza forte per battere Valentino. Ma non penserò al Campionato, mi concentrerò solo per fare del mio meglio e raccogliere dei punti. Non vedo l’ora di tornare a Phillip Island, anche se so che ieri c’erano solo otto gradi… Vedremo quel che succederà, nel frattempo un grazie alla squadra e alla Bridgestone, stanno lavorando tutti molto bene. Cosa farò all’ultima gara qualora non sarò in lizza per il titolo? Non lo so. Magari potrei anche decidere di aiutare Vale“.