Rossi “The Doctor”? Non più…

valentino non posrta più la scritta The Doctor sulla sua tuta Camel

da , il

    Rossi dottore non più

    Ap/LaPresse

    C’era una volta, neanche troppo tempo fa, “The Doctor”, il Signor Rossi, quello che “curava” le moto, il demiurgo di una M1 finalmente competitiva, un curioso personaggio dalla tuta letteralmente tappezzata dalla scritta colorata “The Doctor” appunto, particolarmente cara ai tiforsi che ancora lo ricordano in pista con camice e stetoscopio.

    Quest’anno il Dottore ha cambiato reparto.

    Cambiato ospedale, cambiato macchinari, cambiato strumenti forse, cambiato un pò tutto, anche le posizioni in griglia di partenza. E il nome sul cartellino.

    Nel back side della sua tuta, infatti, non compare più il famoso appellativo del campione di Tavullia, ma un forse più anonimo, semplice “Rossi”.

    E visto che in Italia, di Rossi (più o meno famosi) ce ne sono ben 56235, il che vuol dire che su una popolazione di circa 56.000.000 di abitanti, almeno un centesimo si chiama così, ci si chiede il perchè di questa scelta.

    Che Valentino sia diventato improvvisamente serioso? Che il multicolor della scritta stonasse indicibilmente con il total-yellow del look Camel? Che abbia deciso di topgliersi un attimo toga e cappello da laureato?

    O che abbia appeso il camice a un chiodo e abbia deciso di non curare più la sua cara M1? Dalle qualifiche di ieri, qualcuno l’ha già azzardato: “Rossi non è più quello di una volta…”

    Vedremo. Certo è che, come recita un famoso proverbio, “il lupo perde il pelo ma non il vizio”…se oggi Rossi vincesse, sarebbe la sue 54esima vittoria e uguaglierebbe così il personale dello storico Doohan.

    Speriamo che il vizio della vittoria non l’abbia perso!