Rubens Barrichello furioso con Ross Brawn

Rubens Barrichello se la prende con Ross Brawn per la mancata vittoria nel Gran Premio di Germania

da , il

    Rubens Barrichello ha di che lamentarsi per l’esito del Gran Premio di Germania. Una strategia discutibile, un problema al rifornimento nel secondo pit stop ed una terza sosta forse anticipata lo hanno fatto precipitare al sesto posto. Ancora una volta dietro a Jenson Button. Immeritatamente.

    RUBENS BARRICHELLO. “Sono davanti a Button e mi fanno fermare per primo… La squadra ha dimostrato come si fa per perdere una gara”. Così, a caldo, Rubinho se la prende con il genio delle strategie Ross Brawn. Genio che, evidentemente, vede a senso unico e riesce per l’ennesima volta a far passare davanti Jenson Button. Adesso i punti regalati platealmente all’inglese diventano 3. Ancora pochi per parlare di aiuto decisivo. Fondamentali per potersi dire a posto con la coscienza qualora l’inesorabile rimonta Red Bull portasse il mondiale ad un testa a testa finale. Basilari, inoltre, per bollare Rubens Barrichello come secondo a vita, nonostante nel duello con Jenson Button stia cominciando a prendersi una bella serie di rivincite. Da qui, la rabbia brasiliana. “Ho avuto una grande partenza e sono molto deluso di aver concluso solo al sesto posto – ha spiegato il pilota della Brawn GP quando è riuscito a calmarsi – E’ stata una combinazione di cose che adesso mi è chiara, dopo aver parlato con il team. Non avevamo abbastanza ritmo al cospetto delle Red Bull ed il problema al secondo pit stop mi è costato il podio”.

    ROSS BRAWN. Il mago delinea le cause del sesto posto di Rubens Barrichello andando a cercare argomentazioni convincenti e senza tirare in ballo l’operato del box:“Rubens oggi ha avuto l’undicesimo tempo in gara. Non si può vincere una gara, qualunque strategia tu abbia, se il tuo miglior giro veloce è l’undicesimo. Non è possibile e questi sono i fatti - spiega il capo della scuderia di Brackley - Rubens è un membro importante del team. Ha mantenuto ferma la squadra nei momenti difficili e ha un sacco di lealtà verso il gruppo che non è qualcosa che andrà distrutto, per poche parole pronunciate in un momento di frustrazione” ha aggiunto Ross Brawn.