SBK Aragon 2015, anteprima: in Spagna a caccia di Jonathan Rea

Anteprima del round di Aragon, terzo appuntamento del Mondiale Superbike 2015 dal tracciato di Aragon. Anteprima, orari e dettagli per il nuovo weekend delle SBK.

da , il

    Jonathan Rea SBK Aragon 2015

    Dopo tre settimane di sosta seguite al weekend thailandese, questo weekend riparte la SBK 2015 dal tracciato di Aragon, in Spagna, tracciato di “proprietà” del team ufficiale Kawasaki. E’ il terzo round di una stagione che sembra già avere un padrone, Jonathan Rea, forte di 3 vittorie su 4 gare disputate e con un bel bottino di 95 punti contro gli 85 del suo inseguitore diretto Leon Haslam. I superfavoriti della vigilia, Tom Sykes e Sylvain Guintoli, arrancano attardati da problemi di natura diversa l’un per l’altro. In casa Ducati come sappiamo sarà assente ancora per questi due round Davide Giugliano e al suo posto sulla Panigale R ufficiale salirà lo spagnolo Xavi Fores, che prende a sua volta il posto di Troy Bayliss che ha annunciato a Buriram il suo ritiro definitivo dalle gare. Mancherà ancora una volta il chiacchierato team JR BMW di Badovini ed Elias che a quanto pare non prenderà parte nemmeno al round di Aragon.

    Aspettative

    Primo tracciato europeo della stagione e “casa” Kawasaki quindi sarebbe un disonore per Kawasaki non vincere sul tracciato di Alcaniz. Appello per Tom Sykes che deve darsi una svegliata dopo le gare scialbe della thailandia se non vuol vedere Rea scappare via in classifica. Il round di Aragon quindi dovrebbe essere ancora lotta a due team, Kawasaki e Aprilia con l’inserimento della Suzuki di Alex Lowes. Occhio a Chaz Davies con la Ducati! Anche se non è la pista preferita per la casa bolognese, sappiamo che Davies ama questo tracciato avendo trionfato nelle due gare del 2013 con la BMW. Sono previste come sempre grandi battaglie anche per quanto riguarda la top 10 con le Ducati di Baiocco e Terol favorite sugli avversari. Punto di domanda su Honda perchè Honda non è mai andata forte sul tracciato spagnolo.

    Il tracciato

    Lungo 5 344 m, il circuito è stato progettato dal noto architetto tedesco Hermann Tilke in collaborazione con l’agenzia britannica Foster&Partners; consulente tecnico e sportivo del progetto è il pilota di Formula 1 Pedro de la Rosa.

    Il tracciato conta ben 18 curve, alcune delle quali molto lunghe e veloci e chicane lente. Suggestiva la chicane che precede il rettilineo opposto a quello dei box.

    Il complesso è stato progettato per comprendere tre aree principali: il parco tecnologico, l’area sportiva e un’area culturale e per il tempo libero. Il parco tecnologico ospiterà istituti di ricerca incentrati sull’industria automobilistica; l’area sportiva include il circuito di velocità (in più tracciati), un circuito di karting e diversi circuiti sterrati, mentre l’area tempo libero ospiterà un albergo e centri commerciali.

    Il giro veloce del tracciato di Aragon appartiene ancora a Tom Sykes in 1’57″973 fatto segnare il 14 aprile 2013