SBK Aragon 2016, anteprima: in Spagna per fermare le Kawasaki

SBK Aragon 2016, anteprima: in Spagna per fermare le Kawasaki
da in SBK 2017, SBK Aragon, SBK Preview, SBK Spagna
Ultimo aggiornamento: Venerdì 04/11/2016 07:01

    SBK Aragon 2016. Il mondiale delle derivate di serie sbarca finalmente in Europa, dopo aver vissuto le prime due tappe stagionali, prima in Australia e poi in Thailandia. Per adesso c’è stato un solo team dominatore del campionato, ed è quello vestito di verde della Kawasaki. Su quattro round la vittoria è andata tutte quante le volte ai piloti Kawasaki, e per tre volte il gradino più alto del podio è andato a Jonathan Rea. Ad Aragon, in Spagna, il copione potrebbe essere lo stesso in quanto la pista si confà perfettamente alle caratteristiche della moto giapponese leader del mondiale, e Jonathan Rea sembra davvero avere una marcia in più in questo inizio di mondiale, prendendo già il largo da tutti i suoi concorrenti. Il pilota britannico non sembra affatto sazio per il mondiale conquistato lo scorso anno, e sembra determinato più che mai a confermarsi davanti a tutti. Per seguire il LIVE di gara 1 della SBK Aragon 2016, BASTA CLICCARE QUI!

    Il gruppo di coloro che insegue Rea è capitanato da Tom Sykes, il compagno di Team dell’iridato. Per adesso il britannico è partito abbastanza bene, dopo uno scialbo esordio a Phillip Island, sul circuito di Buriram in Thailandia ha battagliato ad armi pari con Rea riuscendo a mettere le sue ruote davanti a quelle del collega in gara 2. Qui ad Aragon cercherà di sfruttare il potenziale della sua moto per recuperare terreno in classifica generale. La Ducati sembra avere una moto migliore delle attese, e in questo inizio di stagione, specie con Chaz Davies è stata molto vicina alla vittoria. Anche ad Aragon la due ruote di Borgo Panigale si candida come una outsider di lusso, magari anche grazie ad un Davide Giugliano uscito con le ossa rotte dalla due giorni thailandese. Chi invece è partito col piede giusto è l’olandese della Honda Michael Van Der Mark, autentico mattatore delle prime due tappe del mondiale, e che ad Aragon non si tirerà certamente indietro provando a portare la sua CBR sul gradino più alto del podio. Nicky Hayden è il veterano di questo circuito, corre qua dal 2010, anno di esordio della pista di Aragon nel calendario ufficiale della MotoGP. Kentucky Kid sta macinando chilometri su chilometri acquisendo perciò una maggiore dimestichezza sia con la moto che con la categoria. Potrebbe essere la sorpresa del weekend. Le Yamaha sembrano al momento in ritardo, specie con il nuovo alfiere Lowes, che ha steccato queste prime due corse del mondiale. Per completare l’analisi sugli outsiders di gara, non si può non citare Jordi Torres, pilota BMW, che qui è di casa e potrebbe essere autore di una bella prestazione.

    484

    PIÙ POPOLARI