SBK Aragon 2016, Davies: “Ducati pronta all’attacco”

SBK Aragon 2016 - I piloti Ducati sembrano molto convinti di poter gareggiare ad armi pari con la Kawasaki leader del mondiale.

da , il

    SBK Aragon 2016. Le Ducati sono le prime vere antagoniste della Kawasaki, insieme alla Honda, in questo inizio di stagione, anche grazie alle buone performance raccolte sin qui da Chaz Davies. Proprio il pilota britannico sembra molto fiducioso nei confronti della prossima tappa del campionato, quella pista di Aragon in Spagna, che esalta non poco le sue doti da battagliero. Secondo l’alfiere della rossa di Borgo Panigale, questa potrebbe essere l’occasione giusta per recuperare il gap accumulato sui circuiti di Phillip Island e di Buriram in Thailandia. Analizzando meglio la situazione nel box Ducati, possiamo ben pensare che questa sia la grande chance anche per Davide Giugliano di portare a casa punti pesanti, dopo lo sfortunato ultimo weekend thailandese. Per seguire il LIVE di gara 1 della SBK Aragon 2016, BASTA CLICCARE QUI!

    Giugliano: “Il campionato entra adesso nel vivo”

    Davies appare esaltato dalla prospettiva di misurarsi sul circuito di Aragon, per il quale nutre una grande fiducia, anche grazie ai successi passati:In Thailandia abbiamo dovuto giocare un po’ in difesa. Ora ripartiamo da Aragon, una delle mie piste preferite, dove ho dei bellissimi ricordi, su tutti la prima vittoria con Ducati. Il tracciato si addice al mio stile di guida, e spesso sono riuscito ad esprimermi al meglio lì. Avremo a disposizione anche alcune novità che sulla carta dovrebbero rappresentare un altro passo nella giusta direzione. Per questo sono fiducioso, anche se il livello della competizione è alto“.

    Il pilota romano Davide Giugliano, cerca una rivalsa su questa pista spagnola dopo la parentesi tutt’altro che facile del circuito di Buriram, nel quale è finito anche nella polvere dopo un attacco ai danni di Davies. Le speranze e le aspettative per un weekend da protagonisti sono alte, ed ecco quindi le sue dichiarazioni: “Ora il campionato entra nel vivo. Fin qui abbiamo lavorato molto bene, dobbiamo solo pazientare per raccogliere i frutti. L’intesa con la nuova squadra aumenta giorno dopo giorno, e sono sicuro che insieme potremo fare la differenza“. Il centauro romano aggiunge che questa pista gli piace particolarmente e che la sua condizione fisica è in crescita: “Aragon mi è sempre piaciuta come pista, soprattutto da quando utilizziamo la configurazione senza il tornantino finale. La mia ultima prova al Motorland risale ad oltre un anno fa nei test invernali, ma ricordo che eravamo stati davvero competitivi. Da allora la moto si è evoluta, ed anche io sono cambiato, lavorando duramente per sfruttare al meglio esperienza e velocità“.