SBK Assen 2015, anteprima: Jonathan Rea apre le porte di casa sua

Anteprima del Gran Premio d'Olanda, quarto round del Mondiale Superbike 2015 dal tracciato di Assen. Jonathar Rea è carico in visto del nuovo appuntamento della SBK 2015.

da , il

    Non c’è nemmeno il tempo di rilassarsi che questo weekend è di nuovo Mondiale SBK 2015 con il quarto round sul tracciato di Assen, Olanda. Tracciato di Assen che è notoriamente giardino di casa per Jonathan Rea che conta ben 5 vittorie di manche dal 2009 all’anno scorso e 7 podi complessivi per il pilota che attualmente guida il Mondiale dall’alto dei suoi 140 punti ed è quindi gioco forza il favorito d’obbligo per il round olandese. La Ducati però c’è e dopo aver ottenuto la prima vittoria con Davies vorrà replicare su un tracciato che storicamente ha sempre portato fortuna alla casa di Borgo Panigale. Aprilia non resterà certamente a guardare e dopo il bicchiere mezzo vuoto di Aragon vorrà rifarsi ampiamente sul tracciato olandese. Ci sono quindi le premesse per un altro weekend dall’alto tasso di spettacolo.

    Aspettative

    Dati ormai per certi i valori in campo per questo Mondiale 2015, ci apprestiamo a vivere il round olandese della Superbike con la consapevolezza che sarà ancora guerra Kawasaki-Aprilia con la Ducati pronta ad inserirsi, ma questa volta anche Fores sarà della partita dopo i due buoni piazzamenti di Aragon. Occhi puntati sul padrone di casa Jonathan Rea che vorrà aumentare il numero di vittorie sul tracciato di Assen, ad impedirgli la fuga ci proveranno Haslam e uno scatenato Davies. Se Sykes non ha risentito più di tanto del brutto volo di Aragon potrà anche lui dire la sua per una battaglia a 6 per vittoria e podio. Per quanto riguarda il resto della truppa, solite bagarre tra le Ducati Althea, Badovini, Mercado, Salom e la MV di Camier.

    Il tracciato

    SBK Assen 2015 circuito

    Costruito nel lontano 1925 e situato nella provincia di Drenthe, il TT di Assen è una vera e propria istituzione del Motomondiale. Infatti è stato sempre presente fin dall’istituzione del motomondiale nel 1949.

    Costruito appositamente per le due ruote, è anche chiamato l’Università delle due ruote per la sua caratteristica di essere un circuito che mette a dura prova piloti e moto.

    In origine il Circuit van Drenthe (così era chiamato per la provincia dove era situato) era di forma triangolare e misurava ben 28,4 km, salvo poi ridurlo a 16,5 km e spostarlo nella vicina Assen. Nel 1955 venne costruito il tracciato che abbiamo imparato a conoscere fino al 2006, lo storico e spettacolare tracciato di 7,705 km e teatro di grandi battaglie (Fogarty-Chili, Haga-Bayliss per citarne alcune nella SBK). Varie modifiche nel corso degli anni hanno modificato la conformazione di alcune curve ma la vera modifica è stata fatta nel 2006: modificata tutta la prima parte del tracciato e di conseguenza accorciato di 1,5 km per arrivare ai 4,542 attuali.