SBK Assen 2016, Rea: “Sapevo di averne di più”

SBK Assen Gara-1 - Abbiamo raccolto le parole dei tre protagonisti del podio di Assen subito dopo la fine della gara.

da , il

    SBK Assen 2016, Gara-1. Si è chiuso il sipario su una Gara-1 sul circuito di Assen in Olanda, che ha regalato davvero delle emozioni forti, perché a sorpresa la prima fila della griglia è finita tutta quanta con un ritiro, quindi a giocarsi la vittoria sono stati Rea e Davies soprattutto e Nicky Hayden in seconda battuta. Proprio il campione del mondo in carica, Jonathan Rea si è dimostrato molto sicuro e convinto davanti ai microfoni, soddisfatto per il primo posto ottenuto in questa gara del sabato: “Ho cercato di fare una gare giudiziosa, cercando soprattutto di amministrare il mio potenziale, consapevole che sarei potuto passare davanti a tutti quando sarebbe stato il mio momento. E’ bello vincere quando c’è la mia famiglia vicino, qui con me“.

    Davies: “La gomma davanti era finita”

    E’ stato autore di un’altra grandissima gara, e ha cercato di guadagnare la vittoria con ogni mezzo, lui e la sua Ducati. Stiamo parlando di Chaz Davies che però all’ultimo giro ha commesso un piccolo errore che gli ha fatto accumulare un ritardo tale da non riuscire poi a colmare il gap con Rea che stava incamminandosi verso la vittoria. Nonostante tutto il pilota gallese ammette di aver avuto qualche difficoltà: “La gomma posteriore era perfetta, mentre l’anteriore l’ho finita a cinque giri dalla fine, e sentivo chiudere l’anteriore ad ogni curva. L’ultimo giro ho fatto un grande lungo e sono contento di essere arrivato qui e di aver concluso col secondo gradino del podio“.

    Nicky Hayden: “Contento per il mio primo podio”

    Nicky Hayden conquista il suo primo podio nella classe delle derivate di serie, ed è contento anche perché lo ha ottenuto grazie ad una gara attenta, da pilota molto esperto che ha saputo sfruttare le difficoltà degli altri senza però cadere a sua volta: “Sono contento, ringrazio la squadra, ho provato a fare di meglio. Quando Michael è caduto, anch’io stavo spingendo forte e ho rischiato a quel punto ho cominciato a pensare che forse andava bene accontentarsi di questa piazza. Si tratta del mio primo podio in SBK e sono felice. Cercheremo di migliorare”.