SBK Assen 2017, Rea: “E’ stata una bella vittoria”

Rea vince Gara-1 dopo la penalizzazione della Superole. Le sue parole e quelle dei suoi protagonisti al termine del round.

da , il

    SBK Assen 2017, gara-1. Jonathan Rea è andato a vincere ancora una volta su questo circuito tanto gradito a lui e alla Kawasaki. Alla fine la vittoria è stata sofferta e fortunata, anche per il ritiro inaspettato di Davies all’ultimo giro. Il campione del mondo ha rilasciato queste dichirazioni: “Sono molto contento per tutto, per come è andata la giornata. E’ stata una bella vittoria per me, soprattutto per il rapporto che ho con questa pista. Da domani dovrò fare una modifica per essere più veloce all’uscita del tornantino dell’ultima curva“. Il campione del mondo in carica vince dal 2014 ogni round corso su questo circuito di Assen e questa vittoria consolida ancora di più il suo primato in classifica.

    Tom Sykes ha beneficiato del ritiro di Chaz Davies per guadagnarsi il secondo gradino del podio. La sua gara è stata tutto sommato positiva, come lui stesso ha dichiarato, anche se i primi due fino a quel momento avevano qualcosa in più: “Ho avuto un eccessivo consumo degli pneumatici, non avevo soprattutto il controllo nelle curve veloci, quindi ho un pochino mollato sperando anche quelli davanti avessero i miei stessi problemi. La seconda posizione è tutto sommato accettabile, ho fatto una piccola modifica, però non ha esattamente funzionato come avrei voluto. Domani devo fare un passo avanti nella gara per stare con quelli davanti, ma tutto sommato sono contento“.

    Lorenzo Savadori è contento per il suo quinto posto, il miglior risultato ottenuto fino a questo momento in stagione: “Sono contento della quinta posizione, anche se dobbiamo capire perché ho avuto un netto caldo dopo il terzo/quarto giro, anche se dopo sono riuscito a rialzare il ritmo. Era importante questa quinta piazza ed è stata una gara che ci ha dato informazioni utili”.

    Marco Melandri, un podio inaspettato, un risultato ottenuto per il ritiro sul finale di Davies: “Sono qui (sul podio) con un po’ di fortuna, fino a stamattina non pensavo nemmeno di entrare nei primi cinque. Il team ha fatto un grande lavoro in superpole, qualcosa è cambiato e ho preso fiducia. Non riuscivo a stare coi primi tre e ho preferito portare a casa informazioni e punti pesanti“.