SBK Australia 2015: le Pagelle del Gran Premio di Phillip Island [FOTO]

Pagelle del primo round del Mondiale Superbike 2015 dal tracciato australiano di Phillip Island. Vediamo i voti dei protagonisti della SBK Australia 2015.

da , il

    Benvenuti alla prima puntata della rubrica “le Pagelle del Gran Premio” targate SBK Australia 2015. Si è concluso ieri il primo round del Mondiale a Phillip Island con Rea ed Haslam a spartirsi il bottino del weekend australiano. A completare il podio il gallese Chaz Davies per un podio tutto britannico e composto da tre marche diverse: Kawasaki, Aprilia e Ducati. Vediamo dunque chi sono stati i migliori e i peggiori di questo primo round del Mondiale delle derivate di serie.

    Il migliore

    Jonathan Rea 10: fortunato nel prendersi la pole al sabato, la domenica si regala la prima vittoria in verde dopo un magnifico duello con Haslam e Davies. Sul traguardo la spunta per soli 39 millesimi su Haslam ma in gara 2 deve arrendersi per 10 millesimi di secondo ad Haslam. Lancia già un segnale al suo compagno di box Tom Sykes per avvisarlo che quest’anno non sarà facile. LANTERNA VERDE

    Altro 10

    Leon Haslam 10: parte integrante dello spettacolo offerto con Rea e Davies del primo round della stagione. Il cambio di team sembra aver rigenerato il buon Leon che è tornato quello del 2010 in Suzuki quando contendeva a Biaggi il titolo mondiale. Cede a Rea solo al photofinish in gara-1 ma si prende la vittoria sempre al photofinish per soli 10 millesimi sull’ex compagno di box in Honda. RINATO

    Gli altri

    Chaz Davies 9,5: al sabato ottiene una pole che però gli viene annullata causa botto di Salom, la domenica partecipa anche lui alla festa britannica mettendo pressione per tutte le due manche alle più veloci Aprilia e Kawasaki. Due ottimi terzi posti per il gallese che raccoglie i suoi primi punti sulla pista australiana. Sembrava lontanissimo dai primi al traguardo ma poi leggendo la classifica erano solo pochi decimi. MASTINO

    Van Der Mark 8: l’olandesino ha cominciato nel migliore dei modi il suo primo round da pilota Superbike e campione uscente Supersport. Quinto posto finale in gara 1 davanti a Sykes e Guintoli e qualche giro in testa in gara-2 prima di volare per terra in curva 10. Se le premesse sono queste, per il podio ci sarà anche lui. L’OLANDESE VOLANTE

    Jordi Torres 7,5: buon debutto anche per il compagno di box di Haslam proveniente dalla Moto2. Quarto posto con vista sul podio in gara-1 e un volo in gara-2 quando era ancora quarto. Le potenzialità per crescere ci sono e la moto pure, sta allo spagnolo dimostrare di essere un pilota da Superbike. APPRENDISTA

    I sufficienti

    Troy Bayliss 7: a 45 anni ritorna in sella senza mai aver testato la Panigale R Superbike, perde un turno di libere per via di un guasto al motore, vola per terra in curva 10 e fino a che ne aveva è stato nella top 10 girando a solo mezzo secondo dai piloti di testa. RESPECT FOR THE LEGEND

    Nico Terol 7: buona prova anche per lo spagnolo del team Althea. Subito in SP2 alla sua prima apparizione in Superbike, in gara centra la top 10 con una prestazione solida e convincente. FORMICHINA

    Leon Camier 7: la MV è tutta un’altra moto nelle mani del buon Leon che lo dimostra chiudendo entrambe le manche in top 10 portando a casa punti preziosi. Nel computo totale del team MV, è un debutto col botto. SUPER LEON

    Bocciato

    Tom Sykes 5,5: Phillip Island non è la sua pista e si vede, ma il buon Tom non fa praticamente nulla per cambiare marcia e cercare di digerire la pista australiana. In gara-1 lotta con l’acciaccato Guintoli mentre in gara-2 chiude quarto grazie al doppio regalo di Van Der Mark e Torres. Perde malamente il confronto con il suo compagno di box Jonathan Rea. BASTONATO