SBK Australia 2016, Jonathan Rea: “Bello vincere così”

SBK Australia 2016, Jonathan Rea: “Bello vincere così”
da in Interviste Sbk, Jonathan Rea, Piloti SBK, SBK 2017, SBK Australia
Ultimo aggiornamento:
    SBK Australia 2016, Jonathan Rea: “Bello vincere così”
    SBK Australia 2016, podio 2

    E‘ andata in scena la Gara 1 di SBK Australia 2016, a portarsi a casa il bottino pieno è stato il campione del mondo in carica Jonathan Rea che ha ottenuto anche la trentesima vittoria in questa categoria. Non è stato facile per il nordirlandese vincere questa gara, soprattutto per la competitività e per l’aggressività dimostrata da Chaz Davies, su Ducati che fino all’ultimo istante ha conteso il primo gradino del podio con Rea. Il terzo in comodo è stata Michael Van Der Mark su Honda, autore di una gara eccelsa condita da grandi tempi e molti sorpassi, dimostrando di essere un ragazzo davvero di talento, peccato per lui che sia riuscito a combattere per la vittoria fino all’ultima curva. Noi vi faremo leggere le parole dei protagonisti del podio di Phillip Island Gara 1.

    Jonathan Rea è raggiante dopo aver conquistato il primo successo dell’anno proprio nella gara inaugurale della stagione. Ma non è stato facile anche a causa della competitività dimostrata dal gallese Chaz Davies, con una sorprendente Ducati. Queste sono le parole riguarda alle sue impressioni di gara:”Ci aspettavamo di essere forti, sono davvero fortunato di avere un team così preparato. Abbiamo fatto una strategia per i test invernali nel mese di novembre ed è chiaro che ha funzionato oggi. All’inizio ci sono stati un po’ di scambi di posizione con Tom Sykes, poi è stato difficile. Quando il gruppo di inseguitore è sceso a quattro ragazzi e poi tre, alla fine, con van der Mark e Chaz ho messo già la mia testa, ma anche se spingevo al limite Davies era sempre lì. Non è stato un gran bel ultimo settore, ma siamo riusciti a vincere la gara e ottenere 25 punti. Sono davvero contento perché tutto il nostro lavoro ha pagato“. E’ stato chiesto a Rea se fosse sorpreso di trovare come primo inseguitore proprio Chaz Davies, ma ecco la sua risposta:”Sorpreso di vedere Chaz? Se si guarda la Superbike non si può mai essere sorpresi di vedere Chaz. Non importa dove si qualifica lui è sempre uno dei ragazzi protagonisti. E’ bello perché è un buon combattente, e mi piace combattere in gara e alla fine è stato bello“.

    SBK Australia 2016, Chaz Davies

    Il ventinovenne gallese Chaz Davies, è stato autore di una meravigliosa gara in sella alla sua Ducati, tanto da contendere fino all’ultimo la vittoria con l’altro britannico Jonnhy Rea, dal quale ha perso di solo +0.063 secondi. Il ducatista ha tentato fino all’ultimo di sopravanzare l’avversario, ma si ritiene comunque soddisfatto, ed ha dichiarato ai giornalisti:”Non c’è molto che avrei potuto fare di diverso, avrei potuto passarlo in un posto diverso e ho cercato di farlo fino al traguardo, studierò una strategia per domenica. Sono contento di come ho guidato, ma abbiamo bisogno di pensare a un piano migliore per l’ultimo giro.

    C’erano molte opzioni, ma ho scelto questa perché era la più vicina al traguardo
    “. Il secondo arrivato sul podio ha inoltre aggiunto:”Ero sicuro di passare in quella curva, ma Jonnhy mi ha chiuso. Per quanto riguarda la moto terremo le cose buone e cambieremo quelle meno buone proprio per gara 2“.

    SBK Australia 2016, Michael Van Der Mark

    Michael Van Der Mark è stato uno dei più grandi protagonisti di Gara 1, ha lottato alla grande ed ha tenuto quasi fino al termine il passo dei primi due, e solo a causa dell’anteriore consumato non ha potuto fare il rush finale per la vittoria. L’olandese della Honda si ritiene comunque soddisfatto come trapela da queste dichiarazioni:”La gara è stata molto difficile perché abbiamo dovuto pensare alle gomme e per mantenerla liscia e non spingere troppo. Ho avuto un buon passo e potevo seguirli abbastanza facilmente. Non stavano spingendo al limite, ho cercato di superare a volte per vedere se avevano intenzione di fare qualche errore, ma ho chiesto un po troppo dal pneumatico anteriore. Nelle ultime due curve ho spinto perché li ho visti lottare ma sono davvero felice per la terza posizione e abbiamo capito che eravamo veloci. Questo è un sorprendente inizio di stagione. Ad essere onesti Phillip Island è sempre difficile. Sono davvero sicuro che la moto sia migliorata“.

    858

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Interviste SbkJonathan ReaPiloti SBKSBK 2017SBK Australia
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI