SBK: Ben Spies va in BMW? Melandri non sembra entusiasta

da , il

    melandri_brno

    Anche nel mondiale Superbike si accende il mercato piloti. Fra i riders ancora senza un futuro certo per la prossima stagione ci sono alcuni fra i protagonisti di questo mondiale 2012 come Max Biaggi, in trattativa per un rinnovo con la casa di Noale, e Carlos Checa, ancora senza contratto. Certamente non tutti i piloti hanno un futuro incerto, Marco Melandri per la stagione 2013 è certo di correre ancora per la BMW, all’interno del team Motorrad Italia, però non sa ancora chi lo affiancherà.

    Secondo alcune indiscrezionila casa tedesca avrebbe avuto dei contatti con l’ex campione del mondo SBK, Ben Spies, che dopo aver deciso di rescindere il contratto con la Yamaha Factory MotoGP, ha deciso di ritornare a correre nel mondiale delle derivate di serie. L’accordo fra le due parti sembrerebbe molto vicino e anche se manca l’ufficialità l’americano può considerarsi di fatto un pilota BMW per la prossima stagione, proprio al fianco del ravennate.

    La scelta fatta dalla casa tedesca, sembra però non trovare il pieno appoggio da parte di Marco, che alla Gazzetta dello Sport ha rilasciato queste dichiarazioni: “Scegliere i piloti non è mio compito. Io ho solo chiesto di prendere uno che ci possa aiutare nello sviluppo. Non so se Spies sa fare questo lavoro, dovreste chiederlo a Silvano Galbusera e Michele Gadda che hanno lavorato con lui in Yamaha… Comunque Spies non l’ho scelto io”, le parole di Melandri suonano quindi come un voler scaricare la possibile mancanza di risultati da parte di Ben sul team, insomma Macho sembra mettere le mani avanti magari proprio in vista degli ultimi risultati dell’americano nella MotoGP.

    Il ravennate quindi si sofferma ad analizzare la situazione in chiave mondiale, dove dopo la doppietta di Brno si ritrova proiettato in piena lotta per la conquista di quello che sarebbe il suo primo mondiale Superbike, ricordando che l’importante è rimanere sempre concertati e puntare sempre alla vittoria visto che non si possono ancora fare calcoli: “Vogliamo sempre di più e sarebbe bello potercelo giocare fino in fondo. Ma se non lo vinceremo non sarà un dramma. Dobbiamo sempre ricordarci da dove siamo partiti. Per ora comunque non è ancora arrivato il momento di cominciare a fare dei calcoli: “A livello di numeri è cambiato molto, ma sono ancora dietro. Non farò calcoli, quando rincorri puoi solo puntare a vincere ogni gara”.