SBK: Biaggi in prima fila, ma la pole è Yamaha

SBK: Biaggi in prima fila, ma la pole è Yamaha

da , il

    sbk piloti

    Che la SBK fosse cosa seria, lo sapevamo già. Quest’anno poi, con Biaggi a contendersi il titolo con i più forti campioni della categoria, e con l’altissima qualità e quantità dei pretendenti al titolo, lo spettacolo è assicurato.

    Già dalle prove pre-gara, come oggi per esempio.

    Exploit di Max Biaggi, che finalmente sembra aver trovato la sua dimensione: un ottimo secondo posto per lui in griglia di partenza della prima gara del Mondiale SBK e tante bocche da far tacere sono i migliori input con cui iniziare a salire la scala che porta alla vittoria. A caldo, dal paddock, dirà: “E’ stato un giro emozionante, nei box stai seduto ad aspettare gli altri e la tensione sale. Sono contento, la prima fila va benissimo. Sarà una gara dura ma il mio passo non è male; spero di partire bene e poi vediamo cosa succede.” Davanti a lui si piazza il due volte iridato Troy Corser che regala alla Yamaha la prima pole dell’anno, e si sa che chi ben camincia… Al pilota della casa di Iwata è andata la Superpole con un giro-lampo di 1’58”402, che gli ha premesso di scrivere il nuovo record di pista. Il centauro Yamaha parla della sua strategia di gara: “Cercherò di non bruciare le gomme nei primi giri perché qui è decisivo essere veloci alla fine, prevedo una battaglia tra 5/6 piloti. Io e il mio compagno Haga saremo tra questi perché la Yamaha si guida benissimo e nonostante le poche prove invernali che abbiamo fatto il potenziale è già notevole.

    Haga, per nulla vecchia conoscenza in fatto di pole, visto che proprio ieri si era piazzato al primo posto e oggi è finito ad un soffio dal podio, conferma l’ottima salute Yamaha.

    Quello che lascia perplessi in tutto questo scoppiettante fase di start up è lui, il solo, IL Motociclista SBK per antonomasia, Troy Bayliss che, anche oggi, in sella alla sua Ducati, non ha avuto modo di brillare, arrivando solo quinto. Un buon risultato che però stona leggermente rispetto a quelli ottenuti dal campione desmodromico nei test invernali.

    Questi i tempi della seconda giornata:

    1. Troy Corser (Yamaha YZF-R1) 1`58.402

    2. Max Biaggi (Suzuki GSX-R 1000 K7) 1`58.724

    3. James Toseland (Honda CBR 1000RR) 1`59.005

    4. Noriyuki Haga (Yamaha YZF-R1) 1`59.294

    5. Lorenzo Lanzi (Ducati 999 F07) 1`59.537

    6. Troy Bayliss (Ducati 999 F07) 1`59.668

    7. Yukio Kagayama (Suzuki GSX-R 1000 K7) 1`59.964

    8. Max Neukirchner (Suzuki GSX-R 1000 K6)2`00.098

    9. Fonsi Nieto (Kawasaki ZX-10R) 2`00.240

    10. Roberto Rolfo (Honda CBR 1000RR) 2`00.414