SBK Donington 2017, anteprima: la Superbike piange Nicky Hayden

Il mondo della Superbike è ancora sconvolto per il tragico destino di Nicky Hayden, uno dei suoi protagonisti. Il sesto round si correrà lo stesso in Inghilterra, con il padrone di casa Sykes pronto a tornare alla vittoria.

da , il

    SBK Donington 2017, anteprima: la Superbike piange Nicky Hayden

    SBK Donington 2017. Alla fine la triste notizia è arrivata, era attesa ormai dopo i giorni di silenzio, di coma. Nicky Hayden si è spento a quasi 36 anni all’Ospedale Bufalini di Cesena, a seguito delle gravi ferite riportate dopo l’incidente capitatogli mentre era in sella alla sua bici, intento ad allenarsi nei pressi di Riccione. Così oggi la Superbike e il mondo delle moto si sveglia sotto shock, in silenzio, per piangere uno dei suoi figli più amati, Kentucky Kid. Un pilota che ha vinto, animato da una grande passione per questo sport, un ragazzo leale, generoso, corretto, umile, che non lascia neppure un po’ di rancore, nessuna macchia scura. E’ stato capace di essere competitivo e vincente senza cattiveria, senza farsi nemici in pista e nel paddock. Una perdita grave per lo sport e non solo, Nicky mancherà a tutti, noi compresi. Ma la Superbike non si ferma e va in Inghilterra, dove a malincuore direbbero: “The show must go on“. Clicca qui per seguire LIVE in diretta web la gara-2 della SBK Donington 2017!

    Duello Rea-Davies

    Purtroppo tutti saranno scossi dalla prematura perdita di Nicky Hayden, ma la Superbike correrà lo stesso a Donington Park la sua sesta tappa stagionale. Nell’ultima sfida di Imola, la Ducati di Chaz Davies si è rilanciata prepotentemente grazie alla doppietta conquistata sul circuito italiano, tanto da mettere un pochino di pressione a Jonathan Rea, che si è difeso aspramente. Adesso le carte vengono scombinate ancora una volta, perché tra i due litiganti il terzo gode, in questo caso stiamo parlando di Tom Sykes che in questa pista si sente l’assoluto padrone, come dimostrato più volte in carriera, 2016 compreso. Il numero 66 di Kawasaki ha sempre dominato la sua gara di casa, detenendo il record di maggiori successi a Donington Park, quindi è inevitabile considerarlo come il grande favorito anche per questa stagione. La pista potrebbe avvantaggiare la Kawasaki, così ad un ipotetico secondo posto ci potrebbe essere Rea, mentre Davies è leggermente indietro nei pronostici. Bisognerà valutare strada facendo le prestazioni di Melandri, mentre tra i possibili exploit del weekend vanno menzionati Alex Lowes su Yamaha e Leon Camier su MV Agusta.

    Il tracciato

    SBK Donington 2016, tracciato

    Costruito nel 1931 e chiuso durante la Seconda Guerra Mondiale, il circuito viene riaperto nel 1971 e nel 1977 si disputa la prima gara.

    Dal 1987 al 2009 l’impianto ha ospitato il Gran Premio di Gran Bretagna del Motomondiale mentre è sede storica del Mondiale Superbike.

    Cambi di proprietà e lavori di ristrutturazione hanno portato alla chiusura dell’impianto nel 2009, salvo poi riaprirlo nel 2011.

    Il tracciato di Donington Park misura 4023 metri e consta di 12 curve, 7 a destra e 5 a sinistra, da percorrere in senso orario.

    E’ un tracciato misto-veloce con medie che superano i 160 km/h (MotoGP) e mette a dura prova i piloti: contiene un paio di saliscendi e curve veloci che obbligano a grandi frenate e brusche accelerazioni.

    Piccola curiosità: il record della pista è di 1’10″458 e risale al 10 Aprile 1993 grazie ad Alain Prost quando Donington divenne teatro del più bel Gran Premio di Formula 1 della storia.