SBK Germania 2016, Jonathan Rea: “La pioggia mi ha dato una grossa mano”

SBK Germania 2016 - Abbiamo raccolto le parole del vincitore di gara-2 Rea e del secondo sul podio De Angelis.

da , il

    SBK Germania 2016, gara-2. Jonathan Rea si è portato a casa una gara importante e decisiva per le sorti di questo finale di stagione. Il campione del mondo in carica ha trionfato in Germania sotto la pioggia, che ha causato delle vittime illustri. Strada facendo sono caduti tutti i suoi avversari principali, partendo da Sykes che ha alzato bandiera bianca nella lotta da vertice dal primo giro. Chaz Davies ha trovato non poche difficoltà e ha chiuso molto attardato e al sesto posto. Rea ha dichiarato questo: “E’ stata una bella gara anche se all’inizio ero preoccupato. Per fortuna la pioggia ha fatto la differenza per me, anche se non è stato facile correre sapendo che potevo perdere altri punti. Volevo capitalizzare e per fortuna ci sono riuscito, rimanendo concentrato fino alla fine

    De Angelis felice del suo risultato

    Dopo la caduta di gara-1 il pilota nordirlandese si è riscattato ad ha allungato addirittura in classifica su cui invece dopo la sfida del sabato aveva recuperato qualche cosa. Per questo motivo la prestazione della domenica è stata ancora più importante, perché ha dimostrato quanto Rea vuole fortemente confermarsi il più forte. Rea ha da fare un ringraziamento speciale a chi è riuscito a rimettere in sesto un weekend che sembrava essere storto: “La squadra è stata grande perché ha ricostruito la moto dopo la caduta in gara-1, ma anche io non mi sono fatto niente grazie alle protezioni di tua e casco. Nelle gare tutto può accadere. Non sapevo quanto potevo spingere, c’era tanta acqua. Adesso andiamo a Magny Course dove voglio ottenere il meglio possibile“.

    Alex De Angelis coglie il primo sorriso di una stagione avara di soddisfazioni, il secondo posto conquistato in gara-2 è una grande soddisfazione per lui e per l’Aprilia che sta facendo piano piano dei progressi. Alex è reduce da un infortunio che non è riuscito ancora del tutto a superare, ma questo podio lo aiuta a guardare al futuro: “Naturalmente essere sul podio è incredibile. Specialmente per me perché è il mio primo in questo campionato e anche perché sono al rientro da un incidente molto brutto l’anno scorso in Giappone. E’ stato un inverno molto lungo, passato a fare parecchia riabilitazione. Non sono ancora in forma, ma è stata una bella gara e sono felice di non aver mai mollato“.