SBK Imola 2015: le Pagelle del Gran Premio d’Italia

Pagelle dal Gran Premio d'Italia, quinto round del Mondiale Superbike 2015 dal tracciato di Imola

da , il

    Eccoci alla quinta puntata della nostra consueta rubrica “le Pagelle del Gran Premio” con un occhio particolare sul Gran Premio d’Italia del Mondiale Superbike sulla pista di Imola e dominato da Jonathan Rea che è sempre più leader del campionato dopo soli 5 round disputati. Ci siamo presi qualche ora per rivedere tutto quanto è successo nel weekend prima di stilare i voti dei protagonisti della giornata. Prima dentro e partiamo!

    Le pagelle

    Jonathan Rea 9: non era contento del terzo posto in qualifica ieri, oggi tira fuori la prestazione ammazza-campionato. E’ lui a decidere quando scappare via e che ritmo tenere, un ritmo insostenibile per tutti. Doppietta come lo scorso anno e campionato ormai virtualmente deciso pur mancando ancora tanti round. KILLER INSTINCT

    Davide Giugliano 8,5: di più non si poteva chiedere da uno che è stato 80 giorni lontano dalle piste dopo il botto di Phillip Island. Rientrare facendo la pole e salendo sul podio non è niente male, paga pegno in gara-2 ma è comprensibile dopo tutto questo tempo. EROICO

    Le pagelle

    Tom Sykes 8: la migliore gara della stagione. Con due secondi posti Tom si riabilita dopo 4 round abbastanza scialbi e reste incollato al compagno fin quando può. CORIACEO

    Ayrton Badovini 7: buonissima prestazione di Ayrton che porta la BMW in top ten in entrambe le gare incamerando punti importanti per il suo campionato. Fa il suo miglior risultato in gara-2 grazie anche alle tante cadute davanti. FORTUNATO

    Le pagelle

    Chaz Davies 6,5: fino a quando la sua Ducati glielo ha permesso, il gallese si è dimostrato il solito cagnaccio combattivo dei primi round. Imprevedibili le rotture sulla sua moto che a questo punto della stagione pesano nell’economia della sua stagione. CALIMERO

    Sylvain Guintoli 6: il 5° posto finale nel restart di gara-1 non cancella l’errore marchiano della caduta nel primo giro di gara-2. E’ il lontano parente del pilota campione del mondo 2014 e non sembra venir fuori da questa crisi. OMBRA

    Leon Haslam 5: in difficoltà per tutto il weekend con errori macroscopici non da lui, in gara-2 pensa bene di stendere il suo ex compagno di team Van Der Mark rovinandogli la gara e rovinando poi la sua gara andando per terra. Perde ulteriore terreno da Rea in classifica mondiale. SCOPPIATO